Il Bersò

26 agosto 2016, 19:52

  • Tipologia/ Food
    Ristorante
  • Indirizzo/ Address
    Str. del Fienile, 1, 43058 Sorbolo PR, Italia
  • Località/ Where
    Sorbolo
  • Telefono/ Telephone
  • Chiusura/ Closed
    Martedì
  • Ristorante
  • Str. del Fienile, 1, 43058 Sorbolo PR, Italia
  • Sorbolo
  • Martedì
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img

Friggono i sogni, qui all’Alba, e non temono i vizi, “importati” dall’America - e, con essi, servono polenta fritta, mescono Albana passita. Nessun enigma, nè il cronista impazzito: Alba è il posto dove si trova l’osteria e i sogni sono le uova; America è la località poco più avanti, i vizi altro non sono che i biscottini di Prato - e in questo modo recita il menu. Perché sia così è uno dei numerosi misteri legati agli usi di cucina e oltre è bene non andare, ma chi ne sapesse di più, faccia sapere.
Poi c’è il bersò, che da molti anni dà nome al locale, ed in questi mesi è più che gradito. Altrimenti due sale luminose e un po’ rumorose, le lavagne con scritto il menu, travi in legno, arredi rustici, mensole con bottiglie già segno di una buona carta dei vini con etichette regionali e segnalazioni bio. Da Sorbolo in direzione Coenzo e, dopo Corte Godi, si è arrivati.

La cucina, i piatti
Tradizione territoriale e prodotti dal mercato “buono” che portano, insieme alle materie prime del luogo, anche salumi bolognesi, acciughe spagnole, carni piemontesi... di cui si citano produttori e fornitori.
Pane, paste e torte fatte in casa, attenzione ai condimenti per piatti ghiotti e ricchi di sapore.Pinzimonio di verdure e composta d’insalata, frutta e pecorino tra gli antipasti (7-13 euro) insieme ad acciughe del Cantabrico, Gorgonzola al cucchiaio, abbondanti taglieri di salumi: giovane e anonimo il culatello; discreto il prosciutto di 24 mesi; delicatissima e profumata la mortadella da carne di Mora romagnola; sapore armonioso nel prosciutto cotto e leggermente affumicato. La degustazione di Parmigiano 12-24-36 mesi sarebbe meglio spostarla a fine pasto: è di eccellente qualità il 36 mesi da latte di Bruna alpina. Si va sul sicuro coi tortelli di erbetta dalla buona sfoglia e il dolce ripieno; discreti quelli di ricotta e melanzane conditi con timo e pomodorini.
Altrimenti anolini e tagliatelle, tortelli di patate con burro o soffritto o Pecorino di fossa, gnocchi di zucca con pancetta e balsamico, strozzapreti con porro e salsiccia (9 euro). E’ piatto unico il risotto giallo con l’ossobuco.
Tra i secondi (9-15 euro), intriga il “coniglio al sapore estivo”, secondo la ricetta di Mirella Cantarelli, che rivela, nell’intensità del sapore, il profumo di chiodi di garofano, aceto e vino in cui è stato marinato, in equilibrio con la dolcezza agrodolce di cipolla, melanzana e peperone con cui è stato portato a cottura - piatto, nonostante il nome, forse non propriamente estivo. Buona la tagliata di manzo, poi la “vecchia” di cavallo, le uova fritte (i sogni), la battuta di Fassona, il petto d’anatra al Porto e agrumi (9-15 euro).

Per finire
I dolci al cucchiaio, il fiordilatte con sbrisolona e nocino, la zuppa inglese, la crema catalana, i “vizi”, la crema al mascarpone (5-6 euro).
Quattro piatti per circa 39 euro, bevande escluse. Menu esposto, coperto 2 euro, ingresso, bagni, parcheggio comodi.

English version below

Here in Alba, they fry dreams and have no fear of the vices “imported” from America and, with them, they serve fried polenta, and pour Albana Passita wine. No enigma, nor has the reviewer gone crazy: Alba is the site of this Osteria and the “dreams” are eggs; America is the hamlet a little further on, the vices none other than Prato biscuits – so says the menu. Why it is so is one of the many mysteries linked to the cooking customs and it is best to leave it there, but whoever knows more, do tell.
Then there is the bersò (pergola), which has given the place its name for many years, and in these months it is very welcome indeed. Otherwise there are two bright, rather noisy dining rooms, boards with the menu written on them, wooden beams, rustic furniture, shelves with bottles that already indicate a top class wine list with regional varieties and some organic items. From Sorbolo head for Coenzo and, after Corte Godi, you've arrived.
The cuisine, the dishes
Local tradition and products from the high-end market which mean, together with local raw materials, also cold cuts from Bologna, anchovies from Spain, meat from Piedmont... with the producers and suppliers listed. 
Homemade bread, pasta and cakes, attention to the dressings for mouth-watering dishes full of flavour. Vegetable Pinzimonio dressing and mixed salad, fruit and Pecorino ewe's cheese among the starters (€7-13) together with anchovies from Cantabrico, Gorgonzola by the spoonful, abundant cutting boards of cold meats: the Culatello still young and anonymous; the 24-month Parma Ham so-so; the Mora Mortadella extremely delicate and perfumed; the cooked ham with a harmonious, slightly smoked flavour. The tasting of 12-24-36 month old Parmesan cheese would be better at the end of the meal: the 36-month-old one made from Bruna Alpina milk is of exceptional quality. A safe bet are the Tortelli di Erbetta (with Swiss chard) their pasta delicious and the filling sweet; those with Ricotta and aubergine dressed with thyme and cherry tomatoes were middling.
Alternatively, there are anolini and tagliatelle, Tortelli di Patate (potato) with butter or soffritto or Pecorino di Fossa cheese, Gnocchi di Zucca (pumpkin dumplings) with Pancetta and balsamic vinegar, strozzapreti with leeks (porro) and sausage (salsiccia) (€9). There is also a one-course meal of risotto with marrowbone (Risotto Giallo con l'Ossobuco).
Among the second courses (€9-15), the rabbit dish “Coniglio Al Sapore Estivo”, intrigues. A recipe by Mirella Cantarelli, it reveals amidst its intense flavour, the aroma of the cloves, vinegar and wine it has been marinaded in, balanced by the sweet and sour onion, aubergine and sweet pepper with which the meat has been cooked – a dish which, despite its name, is not exactly “summery”. The sliced beef (Tagliata di Manzo) is delicious, then there is a horsemeat “Vecchia”, fried eggs (the “dreams” – Sogni), Fassona beef tartare, and duck breast (Petto d’Anatra) with Port and citrus fruit (€9-15).
To finish off
Milk puddings and custards, Fiordilatte with Sbrisolona brittle and Nocino liqueur, Zuppa Inglese trifle, Crema Catalana, the “vices”, or Crema al Mascarpone (€5-6). 
For four courses you'll be paying around 39 Euro, drinks excluded. Menu on display, €2 cover charge; easy-access entrance and toilets and convenient car park.

© RIPRODUZIONE RISERVATA