La maison du gourmet

03 maggio 2017, 17:31

  • Tipologia/ Food
    Ristorante
  • Indirizzo/ Address
    Strada Budellungo, 96, 43123 Coloreto PR, Italia
  • Località/ Where
    Parma
  • Telefono/ Telephone
  • Chiusura/ Closed
    Lunedì / Monday
  • Ristorante
  • Strada Budellungo, 96, 43123 Coloreto PR, Italia
  • Parma
  • Lunedì / Monday
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img

Lounge bar tutte le sere per aperitivi e cocktail; pranzo e cena al piano superiore, nella sala dalle ampie vetrate aperte sui campi di Coloreto, comodamente seduti ai tavoli con bicchieri scintillanti. Questa casa moderna è sempre stata un ristorante e ora, dopo una parentesi come pizzeria, torna ad esserlo con una gestione giovane e dinamica che propone cucina moderna dove si fondono molte esperienze e dove la materia prima è sempre accompagnata con vari ingredienti, da chips, gel, salse disposti con molta attenzione all’estetica del piatto. L’ingresso dal giardino, qualche posto al piano terra per chi ha difficoltà con le scale, tavoli in legno senza tovaglia, ma 3 euro per un coperto che letteralmente manca, pane e grissini della casa, buona carta dei vini organizzata in varie sezioni e con proposte interessanti: alcuni vini a bicchiere, mezze bottiglie, lista di birre.

La cucina, i piatti
Pesce e carne in preparazioni che richiedono l’uso di tecniche moderne e materie prime dal mercato non solo nazionale. Nell’attesa degli antipasti (12-16 euro; 24 il crudo di pesce), una flute di prosecco e una pralina fritta di pesce bandiera su maionese ai crostacei, quindi la battuta di Fassone piemontese dalla carne elegante e, per condimento, il gel di tuorlo d’uovo, i fiori di capperi, la senape in grani; poi, uovo nascosto in pancetta croccante, miglio soffiato e broccoli; salmone affumicato con maionese ai crostacei, patate alla menta e mela verde; il buon prosciutto spagnolo tagliato a macchina con stracciatella e composta di mela; il piatto di crudo con vari condimenti. La “scomposizione dell’erbetta” dà un nuovo carattere al nostro piatto tradizionale: qui il tortello, in realtà un cappellaccio tondo con pasta sfoglia dal nerbo e gusto marcato, ha ripieno di sola ricotta, mentre le erbette, in realtà spinaci, sono sul fondo del piatto trasformate in crema con zenzero e fonduta di Parmigiano. Ricomposte nel boccone, le varie componenti rimandano a un sapore noto, ma con finezza, inedita intensità e una fresca nota speziata che giustificano l’originalità della ricetta. Sapori bilanciati e buon equilibrio nei sodi spaghetti alla chitarra dove il dolce di burrata e gambero rosso è mitigato dal salino dei capperi e dalla nota agrumata del lime. Altri primi (10-16 euro): gnocchi al ragù d’anatra e arance; cappellacci di branzino; crema di zenzero e carote; risotto alle pere e crudo croccante. Sono perfettamente arrostite e conservano le loro qualità le capesante su crema di porro, carciofi, polvere di crudo, olio alla vaniglia; ha carne soda e sapore pulito il trancio di branzino su finocchi, crema d’arancia e olive; ha cotenna croccante e carne morbida il maialino da latte con spinaci, mela e opportuna polvere di liquirizia. Altri secondi (18-28 euro): filetto di cervo, petto d’anatra, ombrina.

Per finire
Formaggi o dolci (8 euro) ricchi e complessi: composizioni al cioccolato; insalata d’arance; parfait o mousse ghiacciata di mele. Pagherete per quattro piatti, bevande escluse, circa 60 euro. Menu esposto, coperto 3 euro, ingresso, bagni, parcheggio comodi.

Non mancate
Scomposizione dell’erbetta.

English version below

A lounge bar in the evenings for aperitifs and cocktails; lunch and dinner upstairs, in a dining room with large windows overlooking the fields of Coloreto, comfortably seated at tables with sparkling glasses. This modern house has always been a restaurant and now, after a spell as a pizzeria, it is back with a dynamic young management who offer modern cuisine where many experiences merge and where the raw material is always accompanied by various ingredients, from chips, to jellies, to sauces prepared with great attention to the aesthetics of the dish. The entrance from the garden, a few places on the ground floor for those who have difficulty with stairs, wooden tables without a tablecloth, but €3 for a “cover” that is literally missing, homemade bread and bread sticks, a good wine list organized into various sections and with interesting suggestions: some wines by the glass, half bottles, a beer list.

The cuisine, the dishes
Fish and meat preparations that require the use of modern techniques and raw materials from the market that are not only national. While awaiting the appetizers (€12-16; €24 for raw fish), a flute of Prosecco and a fried praline of scabbardfish on seafood mayonnaise, then a refined Piedmont Fassone beef tartar and, as seasoning, an egg yolk jelly, caper flowers, mustard grains; then, egg hidden by crispy pancetta, puffed millet and broccoli; smoked salmon with seafood mayonnaise, potatoes with mint and green apple; a fine, machine-cut Spanish ham with stracciatella and apple compote; a plate of Parma ham with various condiments. The “Scomposizione dell’Erbetta” brings a new slant to our traditional dish: here the tortello, actually a round “cappellaccio” of substantial puff pastry with a marked taste, has a filling of ricotta alone, while the Swiss chard (in reality spinach), is on the bottom of the dish transformed into a cream with ginger and Parmesan cheese fondue. Reconstructed in the mouth, the various components recall a known flavour, but with finesse, unprecedented intensity, and a fresh spicy note that justifies the originality of the recipe. Balanced flavours and good balance in the firm Spaghetti alla Chitarra where the sweetness of Burrata cheese and red prawn is mitigated by the saltiness of capers and the citrusy note of lime. Other first courses (€10-16): gnocchi with duck sauce and oranges (ragù d’anatra e arance); cappellacci with sea bass; cream of ginger and carrots; risotto with pears and crispy Parma ham. Perfectly roasted and retaining their qualities the scallops on a cream of leeks, artichokes, powdered dry-cured ham, and vanilla oil; with firm flesh and a clean flavour the slice of sea bass (branzino) on fennel, an orange and olive cream; a crunchy rind and soft flesh for the suckling pig (maialino di latte) with spinach, apple and an apt liquorice powder. Other second courses (€18-28): fillet of venison (cervo), duck breast (petto d’anatra), or croaker fish (ombrina).

To finish off
Cheeses or rich and complex desserts (€8): compositions with chocolate; orange salad; apple parfait or iced mousse. You will pay for four dishes, drinks excluded, about 60 Euro. Menu on display, cover charge €3, easy-access entrance and toilets, convenient parking.

Not to be missed
Scomposizione dell’Erbetta.