Osteria delle vigne, cucina curata, tanti tortelli e non solo

14 marzo 2018, 15:45

  • Tipologia/ Food
    Osteria
  • Indirizzo/ Address
    43040 Varano De' Melegari PR, Italia
  • Località/ Where
    Fornovo di Taro
  • Telefono/ Telephone
    0525.404328
  • Chiusura/ Closed
    Lunedì e Martedì
  • Osteria
  • 43040 Varano De' Melegari PR, Italia
  • Fornovo di Taro
  • 0525.404328
  • Lunedì e Martedì
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img

Questa è l’osteria dei tortelli, almeno cinque con differenti ripieni, da cui la cucina ricava giusta fama. Sempre presenti quelli d’erbetta, di patate, di barbabietola rossa (la specialità) poi, seguendo stagione, quelli di zucca e di carciofi; in altri momenti, di porro, d’ortica, di finocchietto selvatico. Ingredienti freschi, biologici o raccolti nei campi; pasta tirata in sfoglie sottili e tortelli fatti al momento che cuociano in un attimo, mantenendo tutto il sapore dentro di sé. Delicati e leggeri quelli di zucca e Parmigiano; con spiccata personalità quelli di carciofo; originali e col dolce del tubero in evidenza quelli di barbabietola. L’osteria è accogliente e bella: oggetti di modernariato, la stufa economica accesa, il banco di scuola, il juke box, frigoriferi in legno, il bancone del ferramenta, i tavoli con carta paglia.
LA CUCINA, I PIATTI
Molta cura in tutti i piatti, a cominciare dagli antipasti di salumi e dall’ottima coppa dai vividi colori e gusto caratteristico, buon salame e prosciutto, dolcissima spalla cotta lavorata al miele, discreto nebbione (culatello con cotenna messo in vescica) che di certo avrebbe avuto bisogno di restare più a lungo in cantina. Accompagna il tutto un’irresistibile focaccia al rosmarino e torta fritta. Assieme ai tortelli, morbide e suadenti lasagne alla bolognese, cui mancava solo un po’ di crosticina bruciacchiata, con sfoglia verde, ragù leggero, dolce besciamella; anolini; gnocchi di zucca con crema di Parmigiano; paccheri con olive, melanzane e capperi. Non ha ancora giusta frollatura la costata di scottona romagnola e l’oste la sconsiglia. Via libera allora a due piatti «canaglia»: alle cipolle, ripiene con uova e Parmigiano, di quasi materna dolcezza; alle polpette di vitello lessato e patate rosolate in padella, finché si formi la crosticina e poi fresca misticanza con aceto di lamponi. Anche guanciale di maiale in umido; punta di vitello ripiena; straccetti di cavallo in padella; tagliata di manzo.
PER FINIRE
Gelato di crema; semifreddo con zabaione e amaretti; torta di mandorle. Piccola, discreta cantina, con vini bio. I prezzi, bevande escluse: coperto abolito; antipasti 12; primi 12-14; secondi 12-15, 3,50 l’etto la costata; dolci 6. Menu non esposto, ingresso, bagni, parcheggio comodi.
NON MANCATE Tortelli, polpette.