«Ristorante da Giovanni», una tappa-culto per gourmet e appassionati

16 maggio 2018, 13:41

  • Tipologia/ Food
    Ristorante
  • Indirizzo/ Address
    Str. di Cortina, 1040, 29010 Cortina PC, Italia
  • Località/ Where
    Albareto
  • Telefono/ Telephone
    0523 948304
  • Chiusura/ Closed
    Lunedì e Martedì
  • Ristorante
  • Str. di Cortina, 1040, 29010 Cortina PC, Italia
  • Albareto
  • 0523 948304
  • Lunedì e Martedì
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img

Un tempo negozio di alimentari, rivendita di tabacchi, distributore di benzina; ora ristorante ospitale ed elegante con tavoli impeccabili, stoviglie e bicchieri scintillanti, tappeti, fiori freschi, accoglienza cordiale e sorridente, mai ingessata e una carta dei vini amplissima con annate, formati, il meglio delle etichette italiane e francesi, i distillati più rari a prezzi equilibrati.
La cucina, i piatti Tra pesce e carne, fra tradizione piacentina e piatti classici e moderni preparati nel segno della leggerezza, del sapore, degli ingredienti usati con misura da una mano accorta nelle combinazioni. Una flute di Franciacorta, sfogliatina calda e assaggio di polpo come benvenuto, quindi gamberi al vapore di squillante freschezza in emulsione di frutti della passione: la dolce consistenza del gambero si accende con le assonanze acidule e speziate del frutto: l’abbinamento è un classico perfettamente riuscito. Misura e equilibrio anche nella terrina di fegato grasso d’oca al Sauternes, che ritrovi nella gelatina che l’accompagna, con mostarda di pomodori verdi e pain brioche. Anche tonno con bacche di Goji e semi di Chia; salmone Upstream e burro di montagna; salumi piacentini, tra cui ottima la coppa. Sono “piatti firmati” i tortelli d’ortica e ricotta e i pisarei e fasò leggermente brodosi, ma provate l’impasto di questi ultimi nella forma di grossi passatelli conditi con vongole veraci e bottarga di muggine dove l’impronta del territorio si sposa felicemente coi sapori del mare. Oppure un classico desueto, il risotto allo champagne, rimesso a nuovo con gamberi alla papika dolce e le note iodate/vegetali della salicornia. La cernia al forno, il salmone in padella, la catalana di aragosta; l’anatra al rosmarino, lo stracotto al Gutturnio, il polposo filetto di maiale rosolato con prugne e pioppini completano i secondi.
Per finire Lo storico semifreddo alle mandorle, gelato alla crema, biscotto morbido alle mandorle. Menu a 60 euro; coperto abolito, antipasti 14-20; primi 12-20; secondi 22-35; dolci 9. Menu esposto, ingresso, bagni, parcheggio comodi. La valutazione è in relazione alla fascia di prezzo calcolata sul costo medio di tre piatti.
Non mancate Gamberi, risotto

Recensione del 10 maggio 2018