Taverna del Castello, c'è del nuovo ai piedi del maniero

15 agosto 2018, 14:47

  • Tipologia/ Food
    Trattoria
  • Indirizzo/ Address
    Borgo del Castello, 1, 43013 Torrechiara, Langhirano PR, Italia
  • Località/ Where
    Langhirano
  • Telefono/ Telephone
    0521.355015
  • Chiusura/ Closed
    Lunedì - Monday
  • Trattoria
  • Borgo del Castello, 1, 43013 Torrechiara, Langhirano PR, Italia
  • Langhirano
  • 0521.355015
  • Lunedì - Monday
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img

Mangiare ai piedi del Castello ha il suo charme ed ora anche il piacere di gustare piatti di qualità e con combinazioni raffinate dove la tecnica, saldamente posseduta, si apre alla fantasia. Il nuovo cuoco, Luca Natalini, ha una certa notorietà (Top chef) e, quel che conta, buone esperienze, passione, personalità. Servizio competente e professionale, ottima carta dei vini con selezioni locale, da tutt’Italia, magnum, mezze bottiglie, cocktail.

LA CUCINA, I PIATTI
Gli amuse bouche, serviti con l’aperitivo, danno un’idea del lavoro del cuoco: pallina di Parmigiano soffiato, crema di patate e tartufo, asparagi e rabarbaro, nuvola di torta fritta soffiata e prosciutto, «gnocchetto» come un tortello d’erbetta, foie gras al torcione e pane nero, rapanello fermentato in chiusura: piccola sequenza equilibrata, sapori precisi e leggeri. I salumi del territorio e gli antipasti di mare crudi e cotti e però incuriosisce la «similitudine di pomodoro» che si presenta come fosse l’ortaggio rosso, turgido e tornito, ma la buccia è un gel di pomodoro e ricopre un cuore di paté di fegatini da spalmare su pane nero: tradizione e ricerca rinfrescata da una composta di frutti rossi e grappa. Intrigano anche le schie croccanti. Cottura al dente per il risotto allo zafferano e componenti vegetali (aglio dolce e clorofille); contrasti di temperature (caldo/freddo) e consistenze (sodo/morbido) in un gioco di intensità e finezza negli gnocchetti con pesto di basilico e ceviche di branzino al limone. Fuori menu, piccione e foie gras: le due cotture (al sangue il petto, più cotte le cosce) esaltano succulenza e qualità della carne, la scaloppa di foie gras arrotonda, il fondo di cottura dà vivacità gustativa, ciliege e fiori rinfrescano. Cottura precisa anche per il branzino in salsa di pomodoro arrostito e olive.

PER FINIRE
Dolci curati (cannolo, bonet, gelati). Coperto 2,50 euro; menu a 30-50-80; antipasti 12-18 (32 crudi); primi 10-16; secondi 16-20 (30 piccione); dolci 6-7,50. Menu esposto, parcheggio comodo, gradini. La valutazione è rapportata alla fascia di prezzo calcolata sul costo medio di tre piatti.

NON MANCATE
Piccione e foie gras

© RIPRODUZIONE RISERVATA