Osteria della Peppina, una piccola stella nella ristorazione di alta qualità

07 novembre 2018, 15:54

  • Tipologia/ Food
    Osteria
  • Indirizzo/ Address
    Via Roma, 275, 29010 Alseno PC, Italia
  • Località/ Where
    Albareto
  • Telefono/ Telephone
    0523.1905390
  • Chiusura/ Closed
    Lunedì / Mondey
  • Osteria
  • Via Roma, 275, 29010 Alseno PC, Italia
  • Albareto
  • 0523.1905390
  • Lunedì / Mondey
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img

Cucina contemporanea per un’insegna antica, incredibilmente dimenticata da Michelin e Gambero Rosso, che omaggia e ricorda la centenaria tradizione di famiglia e, innovando, la tramanda. Squadra giovane: patron gentile, bravo sommelier e un cuoco, Jacopo Malpeli, dalle idee chiare, coraggio, fantasia e la padronanza tecnica per cercare nei sapori delle materie prime gli spunti per ampliarli con accostamenti, variazioni e cotture ardite.
LA CUCINA, I PIATTI
Molti menu (tradizione 50 euro, mare 45, pausa pranzo 24) tra cui, per i più curiosi, il Freak show (70) in cui il cuoco libera tutta la sua allegria innovativa e che, tuttavia, anche i più prudenti potranno sperimentare scegliendo alla carta. Qualche entrée di benvenuto (focaccia al miele e Branchi affumicato, torta fritta burrata e acciuga, cialda Parmigiano e balsamico, guacamole piccante, prosciutto Sant’Ilario 30 mesi al coltello, pancetta Bocchi), ottimi grissini e pane con lievito madre. Antipasto fuori menu, il rognone croccante in cottura più che rosata, con funghi, cipolla e grani di senape in perfetto equilibrio di sapori, mentre l’avocado appena piccante e la crema al pistacchio di Bronte arricchiscono la succosa tartare di ricciola, broccoli e cavolo nero. Ai primi, savarin al riso in versione marina: yuzu e veli di gambero rosso per contenere il riso alla crema di mandorle; spaghettone fatto in casa con farina di grani antichi condito con cacciucco affumicato e polvere di cipolla bruciata: sapori decisi, perfettamente bilanciati. Materia prima di grande livello nel baccalà che si sfoglia in bocca con ghiotta insalata russa croccante e nel manzo frollato tre mesi dalla perfetta cottura rosata con insalata e patate ratte al forno.
PER FINIRE
Tiramisù all’erba Luigia; zuppa inglese con alkermes dell’Officina di Santa Maria Novella; ottima mousse di cavolfiore, cioccolato bianco, meringa piccante; buona cantina. I prezzi: antipasti 16; primi 16-18; secondi 22-26; dolci 10. Menu esposto, ingresso, bagni, parcheggio comodi. La valutazione è in rapporto alla fascia di prezzo calcolata sul costo medio di tre piatti.
NON MANCATE
Rognone, spaghettone