«Hostaria del maiale»: la tradizione familiare della Bassa

05 dicembre 2018, 10:51

  • Tipologia/ Food
    Osteria
  • Indirizzo/ Address
    Strada Palazzo due Torri, 3, 43010 Polesine Parmense PR, Italia
  • Località/ Where
    Polesine Parmense
  • Telefono/ Telephone
    0524.936539
  • Chiusura/ Closed
    Lunedì sera
  • Osteria
  • Strada Palazzo due Torri, 3, 43010 Polesine Parmense PR, Italia
  • Polesine Parmense
  • 0524.936539
  • Lunedì sera
«Hostaria del maiale»: la tradizione familiare della Bassa
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img

E’ la versione locale del bistrot che spesso in Francia affianca il ristorante gastronomico: di fronte all’«Antica corte Pallavicina», dall’altra parte della corte, ecco l’«Hosteria del maiale», con l’h etimologica della base latina a suggerire il richiamo alla tradizione. Ricavata nella stalla, mattoni stuccati, travi in legno, sedie impagliate, oggetti contadini ovunque, salumi appesi, conserve. Servizio gentile e lento, piccola scelta dei vini dell’Azienda di casa (anche a calice) e il soccorso della carta dell’«Antica corte» per i più esigenti.
LA CUCINA, I PIATTI
Solo piatti di tradizione e di famiglia, le materie prime provenienti dall’Azienda agricola, paste, dolci e liquori fatti in casa. Una fetta di pane con ottimo lardo, in attesa degli antipasti, ci dice che dai salumi non si potrà prescindere e allora ecco il generoso tagliere di culatello di 2 anni, affettato in giusta consistenza, profumato e lungo di sapore, mentre il tagliere di salumi misti ha buona pancetta, coppa leggermente sapida, dolce strolghino (qui in fette oblunghe), ottimo, setoso fiocco cotto. Il tutto con croccante giardiniera di verdure e uova sode in salsa verde. Ai primi, i tortelli d’erbetta sono dolci di ricotta, hanno pasta morbida e di minima ruvidezza; sono solo discrete le lasagne di pasta bianca della zia Emilia: ragù delicato, molta besciamella. E ancora: risotto alla zucca e strolghino; tagliatelle al ragù; anolini in brodo di terza. Tutte le insalate croccanti dell’orto con uova sode, Parmigiano e spalla cotta; il fegato in retella; la trippa; il generoso stinco di maiale nero arrosto; la saporosa carne di bue bianco in tagliata al sangue. Patate rosolate; ratatouille o insalata dell’orto (da non perdere) per contorno.
PER FINIRE
Si chiude con la torta sbrisolona, le crostate del giorno, il tiramisù e la serie dei digestivi casalinghi: nocino, bargnolino, ciliegino e altri ancora. I prezzi: coperto 2 euro; antipasti 14-16; primi 9-10; secondi 9-16; dolci 4. Menu non esposto, gradini, bagni esterni, parcheggio comodo. La valutazione è in rapporto alla fascia di prezzo valutata sul costo medio di tre piatti.
NON MANCATE
Salumi