«La Fiaschetteria» - La buona cucina che parla del territorio

17 aprile 2019, 13:46

  • Tipologia/ Food
    Ristorante
  • Indirizzo/ Address
    Loc, Via Bersano, 59/Bis, 29010 Besenzone PC
  • Località/ Where
  • Telefono/ Telephone
    0523.830444
  • Chiusura/ Closed
    Lunedì, martedì e a pranzo tranne i festivi / Monday, Tuesday and lunch except holidays
  • Ristorante
  • Loc, Via Bersano, 59/Bis, 29010 Besenzone PC
  • 0523.830444
  • Lunedì, martedì e a pranzo tranne i festivi / Monday, Tuesday and lunch except holidays
«La Fiaschetteria» - La buona cucina che parla del territorio
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img

Un posto bello, un menu ghiotto. Sala e saletta con camino, tappeti, tavoli scintillanti per bicchieri e stoviglie, fiori, argenti, distillati rari, servizio attento e il patron, informalmente elegante, che si svela oste bassaiolo e consiglia il «suo» meglio nel menu con vini gaglioffi scelti in una cantina ricca tra Italia e Francia, piccoli produttori, nicchie dimenticate.

LA CUCINA, I PIATTI
La cuoca cucina in stile domestico, ma con molta cura per presentazione, cotture, ricerca dell’equilibrio, per la leggerezza quando possibile. Ecco una flute di spumante, un assaggio di crema di broccoli e acciughe, minuscoli baci di dama con Gorgonzola e burro d’arachidi, la sfoglia di Parmigiano, il baccalà mantecato con olio calabrese. Per chi ama la cucina “alta” c’è, tra gli antipasti, la terrina di foie gras d’oca e pain brioche oppure ci sono le cape sante dorate con crema di patate al nero. Ma come resistere alla «bassa» (ma sarà poi così?) tentazione della lingua salmistrata, col suo sapore intenso e aromatico, accompagnata da morbida e gommosa testina di vitello, capperi e prezzemolo? E se tra i primi non va ignorato, omaggio ai Cantarelli, il savarin al riso che la cuoca personalizza con lo zafferano, e neppure il ricco condimento al tartufo bianco che avvolge le caramelle di brasato, non si trascurino tuttavia i ghiotti ravioli di ossobuco con crema di Parmigiano e midollo. Stessa alternanza, nei secondi, tra piatti «nobili» (piccione con senape e zenzero, ombrina alla pizzaiola, filetto di vitello) e «plebei»: starò con questi e dunque trippa in leggero stufato e mela verde, lumache alla borgognona e, soprattutto, padellata di maiale in formato ridotto con solo costine e salsiccia in perfetto ristretto al Marsala.

PER FINIRE
Formaggi o il bonet al cioccolato, dolce al cucchiaio, zabaione caldo al Porto. I prezzi, bevande escluse: coperto abolito, antipasti 18-22; primi 15; secondi 20-24; dolci 10. Menu non esposto, bagni e ingresso con gradini, parcheggio, camere a locanda. La valutazione è in relazione alla fascia di prezzo (costo medio di tre piatti).

NON MANCATE
Lingua e testina

© RIPRODUZIONE RISERVATA