"Ristorante Claudia" - Tutto il buono della cucina del territorio

04 luglio 2019, 09:43

  • Tipologia/ Food
    Ristorante
  • Indirizzo/ Address
    Via Borri, 6 Corniglio
  • Località/ Where
    Corniglio
  • Telefono/ Telephone
    0521.881399
  • Chiusura/ Closed
    Lunedì
  • Ristorante
  • Via Borri, 6 Corniglio
  • Corniglio
  • 0521.881399
  • Lunedì
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
a cura di Chichibio

Appena fuori Corniglio, andando per la piscina, trovate la grande casa bianca del ristorante: qualche tavolo all’esterno, le salette interne, i salumi appesi nella dispensa a vista. 
LA CUCINA, I PIATTI
Qui si cucina il territorio e in particolare i prodotti di questa zona che Alberto Lambertini (cuoco) e Patrizia Pensieri (patronne in sala), in collaborazione con allevatori del posto, preservano e valorizzano nel segno della qualità e del modo naturale di operare. Maiale nero brado (CàMezzadri), pecora Cornigliese, Parmigiano di vacche Brune (Ponte Bratica), farine selezionate macinate a pietra, verdure e vini locali danno vita e sostanza a una cucina che si completa con un’attenzione moderna alle cotture e alle combinazioni di ingredienti. Sono fatti e stagionati qui i buoni salumi (pancetta, salame, coppa, lardo...) con la carne dei maiali bradi e anche il culatello (36 mesi) cui il microclima e l’aria di montagna non hanno dato quella rotondità e ricchezza di gusto che sarebbe auspicabile; ottimo invece il prosciutto: elegante, pieno di sapore, di intensa dolcezza. Bene la spalla cotta calda; corretta l’insalata di valeriana, nocciole tostate, julienne di culatello, dadini di formaggio di malga. E’ fatto col maiale nero l’intenso ripieno degli anolini che sono proposti sia in brodo, sia con una crema di ricotta e timo che li pasticcia un po’; i tortelli d’erbetta hanno buona pasta, alcuni sono crepati, un po’ d’acqua è sul fondo del piatto. E ancora: risotto funghi e tartufo, tagliatelle al burro, gnocchi al tartufo. Ai secondi la grande costata di maiale è per almeno due persone (5 euro l’etto), poi tagliata di cervo o di Angus, tomahawk di manzo, arrosto di coppa con tomino e verdure, filetto di pecora con salsa di castagne. Il mezzo stinco di maiale cotto nel fieno è morbido e profumato; il tajine di pecora è un brasato profumato.
PER FINIRE
Panna cotta, crema catalana, gelato e profiterol artigianali. Prezzi: coperto abolito; antipasti 10-16; primi 10-14; secondi 12-16; dolci 4-5. Menu non esposto, bagni, ingresso, parcheggio comodi. La valutazione è in rapporto alla fascia di prezzo calcolata sul costo medio di tre piatti.
NON MANCATE
Stinco nel fieno

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA