«Chalet Molinatico» - Cucina casalinga semplice, onesta e generosa

18 luglio 2019, 14:18

  • Tipologia/ Food
    Trattoria
  • Indirizzo/ Address
    Pian di Cassola, Baselica
  • Località/ Where
    Borgotaro
  • Telefono/ Telephone
    0525.97888
  • Chiusura/ Closed
    Aperto venerdì, sabato e domenica (prenotazione sempre) / Open Friday, Saturday and Sunday (reservations always)
  • Trattoria
  • Pian di Cassola, Baselica
  • Borgotaro
  • 0525.97888
  • Aperto venerdì, sabato e domenica (prenotazione sempre) / Open Friday, Saturday and Sunday (reservations always)
«Chalet Molinatico» - Cucina casalinga semplice, onesta e generosa
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
a cura di Chichibìo

Per il fresco e -se siete appassionati- per il canto. Il fresco è quello dei 1200 metri di altitudine a cui si trova lo chalet in mezzo al bosco di faggi argentati; il canto è quello del karaoke guidato dall’oste, campione di rugby e di gentilezza, che finito il pranzo impugna il microfono e, con insospettata verve, trascina la compagnia cantante. E, infine, per i piatti di cucina semplice, onesta e casalinga, senza fronzoli, generosa nelle porzioni. Dalla Fondovalle per Borgotaro, verso Baselica, fino allo Chalet del Molinatico. Tutto in legno, alcuni posti sulla veranda, tavoli ravvicinati,  l’atmosfera tipica dei posti di montagna.

LA CUCINA, I PIATTI
Tutto è raccontato a voce e, tra i vini, anche un servizio con decanter, potrete trovare qualche sorpresa oltre a bottiglie del territorio. Sorprese anche tra i primi, con tortelli dai ripieni inconsueti, ma si vada con ordine ed ecco il tagliere di salumi ben selezionati: la coppa e la pancetta, quest’ultima deliziosa, vengono dal piacentino; il buon prosciutto è di Langhirano; il salame è fatto a Felino da un norcino amico e stagionato dall’oste che ora arriva al tavolo con tagliere e coltellina e porge due fette, che quasi fanno la goccia, piene di sapore. Ai primi, rustiche tagliatelle al ragù di salsiccia cotta nel vino e la serie dei tortelli: d’asparagi, di cipolle, di spalla cotta, di zucca, di radicchio, d’erbetta, sempre con buona pasta (farine da grani antichi) appena spessa e morbida e i differenti sapori in evidenza. Arrosto di vitello, molto asciutto e duretto, al forno; ghiotta coppa di maiale, punta di vitello ripiena e spalla di maiale arrosto con patate spente e poco cotte; guancialetti di maiale in umido col loro sughetto e una punta d’acidità.

PER FINIRE
Le crostate della casa, il tiramisù, il semifreddo all’amaretto. Con una bottiglia di lambrusco, circa 28 euro. Menu non esposto, ingresso con gradino, bagni e parcheggio comodi, non funziona il pagamento elettronico. La valutazione è in rapporto alla fascia di prezzo calcolata sul costo medio di tre piatti.

NON MANCATE
Salumi