L'Officina delle fate, cucina bio e artigianale di qualità

18 settembre 2019, 19:07

  • Tipologia/ Food
    Trattoria
  • Indirizzo/ Address
    Strada Provinciale per Torrechiara, 5, 43010 Langhirano PR
  • Località/ Where
    Langhirano
  • Telefono/ Telephone
    0521.639151
  • Chiusura/ Closed
    Domenica e la sera da lunedì a mercoledì / Sunday and evening from Monday to Wednesday
  • Trattoria
  • Strada Provinciale per Torrechiara, 5, 43010 Langhirano PR
  • Langhirano
  • 0521.639151
  • Domenica e la sera da lunedì a mercoledì / Sunday and evening from Monday to Wednesday
L'Officina delle fate, cucina bio e artigianale di qualità
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
a cura di Chichibio

«Cucina artigianale, biologica, locale e familiare» fra tradizione parmigiana e pontremolese: tutto fatto in casa, materie prime del territorio, elenco dei produttori sul menu. Due salette interne, qualche posto all’esterno, tavoli preparati con tovagliette di carta paglia, piccola lista dei vini con alcuni vignaioli che seguono il metodo biologico, alcuni locali, qualche birra artigianale. Moglie in sala, marito in cucina, molta gentilezza.

LA CUCINA, I PIATTI
Per cominciare, piccoli sformatini alle verdure morbidi, cremosi, che rispettano il sapore dei vegetali e sono gradevoli, leggeri: alle zucchine, alle melanzane, di zucca con condimento balsamico, ai peperoni. Anche salumi e prosciutto, ma qui è difficile resistere al richiamo delle frittelle di baccalà: pastella leggera e buon baccalà fanno una nuvola dorata accompagnata da pane fritto come da tradizione della Lunigiana. Si resta in zona coi testaroli artigianali al pesto di basilico o con salsa alle noci, si torna a casa coi tortelli d’erbetta o di ortica, con le rustiche tagliatelle al ragù di maiale nero e funghi porcini secchi: pasta spessa, condimento robusto, rurale, un po’ sapido. Più riusciti e intriganti i tortelli con farcia ai fichi e crema di caprino erborinato: felice armonia di contrasti in un piatto leggero e di sapore. E ancora, gnocchi di patate, gnocchi di patate viola e pecorino. Tradizione araba nei felafel fritti (polpettine di ceci biologici); suggestione portoghese nel baccalà alla Thelma (un’amica brasiliana della patronne) con olive, patate gratinate e pesce alto due dita che si sfoglia delicato e dolce; profumi e sapori livornesi nel baccalà col pomodoro, pinoli, olive. Anche battuta di manzo bio o tagliata di Fassona: cotta a puntino, ma dalla consistenza tenace.

PER FINIRE
Proposta ridotta di dolci: il sorbetto al pompelmo o la torta delle fate a base di pan di Spagna.  
I prezzi: coperto abolito; antipasti 2-18 euro; primi 10; secondi 12-18; dolci 3-5. Menu non esposto, gradini all’ingresso, bagni comodi, parcheggio nei paraggi. La valutazione è in relazione alla fascia di prezzo calcolata sul costo medio di tre piatti.

NON MANCATE
Tortelli di fichi.