Ristorante Pane e Salame - Tra tradizione e valorizzazione delle materie prime

28 novembre 2019, 10:35

  • Tipologia/ Food
    Ristorante
  • Indirizzo/ Address
    Piazza Ubaldi, 1 - Felino
  • Località/ Where
    Felino
  • Telefono/ Telephone
    0521 336111
  • Chiusura/ Closed
    sabato a pranzo, lunedì / Saturday for lunch, Monday
  • Ristorante
  • Piazza Ubaldi, 1 - Felino
  • Felino
  • 0521 336111
  • sabato a pranzo, lunedì / Saturday for lunch, Monday
Ristorante Pane e Salame - Tra tradizione e valorizzazione delle materie prime
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
a cura di Chichibio

«Cucina e vino»: l’hanno aggiunto all’insegna a indicare la direzione, dal minimalismo di «pane e salame», presa da questo locale. Eleganza rustica e discreta, scaffali ricolmi di bottiglie, il tavolo coi salumi e il patron-cantiniere che recita la sua parte con disinvolta noncuranza: sparisce, si fa attendere, arriva con un assaggio. E intanto racconta che s’è fatto contadino e semina grani antichi (Miracolo, Virgilio), li fa macinare a pietra per un pane, con lievito madre, profumato e fragrante; e che raccoglie gli ultimi radicchi dell’orto; e che s’è fatto vignaiolo di un vino rifermentato in bottiglia che chiama lambrusco, ma che certo, per colore, corpo e vigore, nasconde altri componenti e di quel sauvignon ancestrale e spumeggiante, fruttato, erbaceo e che arriva, a sorpresa, a fine pasto. 

La cucina, i piatti
Territorio e quello che di buono offre il mercato e, intanto che arrivano i piatti, ecco una quenelle con salmone affumicato (del mago Cerati) e erba cipollina, poi le lunghe fette oblique di un buon salame di Felino, il prosciutto cotto affumicato di Branchi, produttore locale d’eccellenza. Ma questi sono giorni di festa, perché il signor Attilio, patriarca di famiglia, ha compiuto novant’anni (evviva!) ed è venuto tempo di mettere a mano quello spallaccio che stagiona in cantina dal 2011: colori decisi (rosso profondo, bianco marmoreo); profumo carico, penetrante; sapori intensi, erborinati, nota appena ossidata, retrogusto di nocciole, di mandorle che riempiono a lungo il palato. E lo saziano quasi, e tuttavia la cucina ha preparato un buon strudel di verdure in pasta phillo, una ghiotta frittatina arrotolata al forno, gnocchi fondenti e i paccheri con ceci, pasta di salame e pecorino siciliano da sempre cavallo di battaglia vincente. Tagliata di manzo e roast-beef (selezione Cecchini), il pollo arrotolato: ma come resistere alla pasta di salame fritta e addolcita da un ricciolo di burro?

Per finire
Dolci molto curati e l’ottimo budino al cioccolato con uvetta e amaretti. Ricca cantina con scelte inconsuete e i prezzi: coperto 1,50 euro; antipasti 8-11; primi 10-14; secondi 10-18; dolci 5. Menu non esposto, ingresso e parcheggio comodi, bagni alla turca.

Non mancate
Salumi, budino.