Malaspina: piatti moderni, cucinati con mano felice

10 settembre 2020, 10:15

  • Tipologia
    Ristorante
  • Indirizzo
    piazzale Vittorio Emanuele, 15 Parma
  • Località
    Parma
  • Telefono
    0521.522469
  • Chiusura
    Lunedì
  • Ristorante
  • piazzale Vittorio Emanuele, 15 Parma
  • Parma
  • 0521.522469
  • Lunedì
Malaspina: piatti moderni, cucinati con mano felice
Cucina
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Qualità / Prezzo
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img

Chichibio
Un gruppo giovane e determinato trasforma un negozio in ristorante chiaro e luminoso e comincia l’avventura. Tavoli comodi, strapuntini alle pareti, le distanze rispettate, il sorriso di un servizio sobrio e professionale. Anche opzione pizza, come ormai in molti locali, ma la cucina sembra essere preminente, con una linea moderna centrata prevalentemente sul pesce di mare. Discreta cantina con etichette dalle regioni italiane.
La cucina, i piatti
Mano garbata e spazio alla fantasia nell’abbinare gli ingredienti: verdure e spezie, tecniche moderne di cottura, ma a volte la delicatezza sconfina nell’evanescenza e i sapori rischiano di perdersi. Intanto, nell’attesa degli antipasti, ecco la pizzetta bianca con origano e i pani fatti in casa. La proposta di crudo (25 euro) è corretta senza entusiasmare: scampo, gambero rosso e viola, l’ottimo salmone Upstream, tonno, capasanta con cipolla caramellata e maionese orientale, vale a dire profumata di spezie. Meglio le noci di capasanta passate in padella e adagiate su una soffice crema di patate, pomodorini confit, crumble (briciole) di mandorle: bel contrasto di morbido/croccante e armonia di sapori. Tartara di gambero rosso, acqua di pomodoro e crema di stracciatella che in questo periodo non manca mai, come la burrata che infatti troviamo a far compagnia alla tartara di Fassona. Ai primi: bigoli con acciughe del Cantabrico, briciole di pistacchio, limone; spaghetti ai ricci di mare; vongole veraci il cui sapore si perde nella fregola sarda; paccheri dalla cottura precisa in granuloso condimento di cacio e pepe affumicato; tagliolini al basilico. Per chi preferisce la carne, tagliata di Black Angus con friggitelli, filetto di maialino con asparago e salsa al latte, arrostino di vitello tonnato con cipolla caramellata. Si resta sul pesce con una spenta tagliata di tonno, semi di papaveri, maionese orientale; con buoni calamari gratinati in panatura leggera su letto di spinaci; con filetto di ricciola su purée di patate viole.
Per finire
Dolci di casa (tiramisù, zuppa inglese, semifreddo) e sorbetti. I prezzi: coperto 2,50; antipasti 10-15; primi 13-18; secondi 14-20; dolci 5. Menu esposto, ingresso, bagni, parcheggio comodi.
Non mancate
Noci di capasanta