Gustincanto Fidenza: tradizione e innovazione, ricetta perfetta

05 novembre 2020, 11:24

  • Tipologia
    Ristorante
  • Indirizzo
  • Località
    Fidenza
  • Telefono
    0524.514968
  • Chiusura
    mai
  • Ristorante
  • Fidenza
  • 0524.514968
  • mai
Gustincanto Fidenza: tradizione e innovazione, ricetta perfetta
Cucina
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Qualità / Prezzo
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
a cura di Chichibio

Una moderna struttura interamente dedicata al mondo del cibo nelle sue varie declinazioni: bar per colazioni e aperitivi collegato alla cucina del ristorante; negozio per il cibo da asporto; emporio con tutto quanto può servire in cucina; grande aula multimediale per incontri, conferenze, corsi e sala di registrazione come uno studio televisivo. Al piano superiore, il ristorante, centro motore di tutto: vetro e acciaio, spazi luminosi, tavoli distanziati, comode poltroncine. Grande attenzione alle norme anti Covid: termo scanner all’ingresso, carta dei vini (buona, articolata) e menu sanificati all’ozono, ricambio generale dell’aria, mascherine sempre. 

La cucina, i piatti
Qualche proposta di tradizione e poi largo spazio a piatti di cucina moderna, cura per la presentazione e l’aspetto cromatico, moderata fantasia negli abbinamenti. Trota salmonata marinata con caprino fresco, l’onnipresente burrata con acciughe cantabriche, battuta di cavallo e i salumi del territorio: peccato per la spalla cotta purtroppo ancora fredda di frigorifero, meglio il culatello Dop (Croce e delizia) di poca fragranza, ma con sapore intenso e lungo. La tartare di manzo aveva condimento gentile e tartufo evanescente.

Ai prima, buoni spaghetti trafilati al bronzo con vongole veraci e bottarga dal sapore intenso e retrogusto di mandorla, tortelli d’erbetta o zucca, anolini, paccheri al pesto di basilico, ravioli di stracciatella con broccoli e colatura di alici. La bomba di riso è in realtà un piccolo timballo a ciambella con crosticina e riso troppo cotto, condito con ragù di piccione e salsa al formaggio. Buon branzino con pappa al pomodoro (ma la caponata, asciutta e slegata, è da rivedere), abbondante piatto di rane fritte (grandi e dalla carne non particolarmente fine) in panatura con erbe aromatiche, costolette d’agnello, punta al forno, cosce d’anatra con pere caramellate, bollito misto, guanciali di maiale in umido, rib-eye al tartufo.

Per finire
Sorbetti (lampone, mango, frutto della passione), sbrisolona e zabaione, ghiotto semifreddo al mascarpone e amarene Fabbri, Tatin di mele, torta cioccolatina. I prezzi: coperto 2 euro; antipasti 8-15; primi 8-12; secondi 12-18; dolci 5. Menu non esposto, ingresso, bagni, parcheggio comodi.

Non mancate
spaghetti vongole e bottarga