Osteria Imelde, tutto il buono della cucina parmigiana

12 novembre 2020, 11:13

  • Tipologia
    Osteria
  • Indirizzo
    via San Leonardo, 106
  • Località
    Parma
  • Telefono
    0521.780732
  • Chiusura
    Domenica
  • Osteria
  • via San Leonardo, 106
  • Parma
  • 0521.780732
  • Domenica
Osteria Imelde, tutto il buono della cucina parmigiana
Cucina
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Qualità / Prezzo
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
a cura di Chichibio

«60  anni di cucina parmigiana all’insegna della tradizione»: si presenta con queste parole scritte sul menu l’«Osteria Imelde» di fronte al Centro Torri sulla via dell’autostrada. Generoso e sempre rinnovato il menu di lavoro a 13,50 euro e parallela possibilità di scegliere alla carta; comodo parcheggio, gel disinfettante, mascherine salvavita, tavoli a distanza di sicurezza e l’atmosfera del locale di famiglia, con molti clienti abituali, il sorriso delle cameriere, il loro rapido passare coi piatti da servire. Arriva il patron a salutare e suggerisce che il culatello oggi è di quelli buoni: è la verità, sapore caratteristico e lungo al palato, porzione abbondante. Discreta carta dei vini a prezzi contenuti.

La cucina, i piatti - Si rispetta il programma annunciato senza risparmiare sulla quantità e i condimenti, poi si strizza l’occhio a qualche preparazione moderna, ma i piatti tipici ci sono tutti. I salumi del territorio (buono il prosciutto S.Ilario di 30 mesi) sono gran parte degli antipasti, ma anche Parmigiano e balsamico, gorgonzola al cucchiaio e polenta fritta, carpaccio di carciofi e Parmigiano, una ricca insalata con melanzane, Castelmagno e pomodori Pachino. Ai primi i tortelli di erbetta hanno ripieno equilibrato, ma pasta dura nelle giunture e nuotano nel burro che resta abbondante sul fondo del piatto; ripieno di personalità per quelli di zucca (stesso discorso per pasta e burro); leggeri gli anolini in brodo. E ancora: risotto alla Verdi, gnocchi al pesto di rucola e pomodori glassati, le «delizie di Imelde» con strolghino e crema di tartufo. Tra i secondi, la Duchessa di Parma è con crema al Cognac; il petto di faraona all’uva ha cottura precisa e buon condimento; la punta di vitello al forno ha un ripieno ricco, dolce di Parmigiano e carne morbida. E ancora: stracotto di asinina, coniglio coi peperoni, filetto di maiale con prugne e Calvados, fantasiosa tagliata di manzo con rosmarino, balsamico, limone e pepe rosa.

Per finire - Le numerose torte secche esposte all’ingresso, zuppa inglese, tiramisù, sbrisolona, torta Susanna con ricotta e cioccolato. I prezzi: coperto 2 euro; antipasti 6-13, primi 8-9; secondi 10-14; dolci 4-5. Menu non esposto, ingresso con gradini, bagni e parcheggio comodi.

Non mancate - Punta al forno