Trattoria del Grillo da asporto. Quando Parma vive nei piatti di una trattoria

15 aprile 2021, 09:01

  • Tipologia
    Trattoria
  • Indirizzo
    via Martinella, 281 Vigatto
  • Località
    Parma
  • Telefono
    0521.630176
  • Chiusura
    lunedì e martedì
  • Trattoria
  • via Martinella, 281 Vigatto
  • Parma
  • 0521.630176
  • lunedì e martedì
Trattoria del Grillo da asporto. Quando Parma vive nei piatti di una trattoria
Cucina
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Qualità / Prezzo
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
a cura di Chichibio

Una bella trattoria a conduzione familiare a pochi minuti dalla città, molto frequentata e apprezzata per la sua torta fritta. Gonfia e dorata, leggera, friabile arrivava in tavola su grandi vassoi: ora l’asporto un po’ la penalizza, ma non sembra smorzarne il fascino se quasi tutti quelli in attesa dei loro piatti (la preparazione è espressa) l’hanno ordinata e il signore che mi precede ne aspetta 50 pezzi. Anche qui cucinano per noi e tengono accesa la fiamma in attesa di una riapertura che si spera imminente: si prenota per telefono entro le 12 e le 19 e sui vini verrà applicato uno sconto del 30%.


La cucina, i piatti
Il menu è sostanzialmente quello consueto (vedi web), di impronta tradizionale, in porzioni abbondanti: alcune cose (tortelli, anolini) si possono cuocere a casa, ma l’oste consiglia di prenderle già pronte se il trasporto non sarà troppo lungo. Ricca selezione di salumi del territorio tra cui merita la citazione la spalla cotta di San Secondo tagliata spessa, dal bel colore e dal buon sapore tipico. Discreto il suadente Culatello di Zibello Dop con due anni di stagionatura, mentre era leggermente sapido il prosciutto di Parma. E ancora salame, coppa, tomino in crosta. E’ ormai finita la stagione buona della zucca e allora, giustamente, i relativi tortelli escono dalla lista e sono sostituiti da quelli col ripieno di carciofi in cui è ben in risalto il sapore erbaceo della verdura; più spenti quelli di erbetta e quelli di patate. Dolce ragù di cinghiale per le tagliatelle; pasta di salame e ristretto al lambrusco per gli gnocchi di patate. E tagliolini prosciutto e zucchine, anolini in brodo. Ai secondi, cottura precisa della tagliata di manzo con rucola e Parmigiano (o come volete); trippa alla parmigiana; tartara di manzo con sedano e Parmigiano; fiorentina di scottona. Ha il classico ripieno di uova e formaggio, arricchito da asparagi, la faraona disossata e così farcita; coniglio alle erbe; punta di vitello ripiena.


Per finire
Si chiude con il buon semifreddo all’amaretto, il tortino caldo di cioccolato, la dolcissima mousse di zabaione allo Zibibbo. Prezzi: antipasti 7-12,80; primi 8,50-10; secondi 9-16; dolci 3-4,80