Tavernetta del lupo, vini d'autore e cucina moderna. Una scelta di gusto

15 luglio 2021, 08:51

  • Tipologia
    Ristorante
  • Indirizzo
    Piazza Pallini, 1 - Sorbolo Levante
  • Località
    Sorbolo
  • Telefono
    0522.680509
  • Chiusura
    lunedì
  • Ristorante
  • Piazza Pallini, 1 - Sorbolo Levante
  • Sorbolo
  • 0522.680509
  • lunedì
Tavernetta del lupo, vini d'autore e cucina moderna. Una scelta di gusto
Cucina
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Qualità / Prezzo
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
a cura di Chichibio

Dal piazzale del parcheggio si salgono le scale che portano all’ingresso del ristorante: i tavoli all’ombra del giardino, la sala e la veranda con tende e piante verdi, bottiglie e soprammobili in un arredo abbondante. La cantina è un punto di forza del locale e rivela la passione e la competenza del patron che costruisce una carta ricca di spiegazioni sui metodi di produzione e di affinamento, sui vari vitigni, sui territori e propone bottiglie di qualità, piccoli produttori, prezzi onesti. Belle tovaglie, bicchieri adeguati, grissini imbustati e di produzione industriale, vecchio reperto di una ristorazione che fu.
La cucina, i piatti
Cucina d’impronta moderna che va oltre il canone emiliano di cui si accetta l’uso di sfoglia all’uovo, la forma pasta ripiena, alcune materie prime e alcuni prodotti. Bene perché, pur ovviamente amandoli, è sempre piacevole uscire qualche volta dalla «morsa» di tortelli d’erbetta, punta al forno, zuppa inglese. Si comincia con il benvenuto della cucina, una candida mozzarellina di bufala su salsa di pomodoro e origano che merita l’onore della scarpetta, quindi per antipasto ittico alcune seppioline spadellate e rese croccanti su un letto di radicchio rosso e Parmigiano-Reggiano in julienne, ma è difficile l’armonia tra l’amaro del vegetale, il sapore del Parmigiano, la dolcezza del mollusco. Equilibrio felice invece nella composta di calamari su dolce vellutata di porro e patate saltate. E ancora: salumi e burro d’alpeggio; battuta al coltello di manzetta (Cazzamali); tonno di coniglio; composta di pollo; flan di Parmigiano-Reggiano. Ancora pesce a farcire tortelli dalla pasta un po’ dura e spessa con condimento di gamberi, vongole e fagiolini; cremosi spaghetti di Gragnano, e tutta la qualità di quegli artigiani della pasta, con nocciole di Langa spezzate, aglio dolce e due alici del Cantabrico a dare sapidità. Altri primi piatti: mezze maniche al ragù di Angus e salsa bianca; agnolotti di spalla cotta; ravioloni di Fontina al tartufo; risotto con patate e guanciale; crespelle all’ortica. La salsa tonnata entra a pieno titolo nella categoria delle cose ruffiane della cucina e qui arrotonda il tonno fresco appena scottato e presentato con melanzana e dolci pomodorini; è insolito l’accostamento del sapore deciso del roast-beef di Angus a temperatura ambiente con appena di senape e la dolcezza di un’entrecote di vitella al timo e ginepro con cipolla caramellata, pomodorini, zucca. Completano le proposte dei secondi la coscia d’anatra in confit; la quaglia al rosmarino e foie gras; il carré d’agnello neozelandese; filetti vari; la grigliata per due (75 euro) di costata piemontese e di ribeye di Angus; gamberi spadellati; filetto di branzino.
Per finire
I sorbetti di frutta fresca (frutto della passione, mandarino di Ciaculli, pompelmo rosa); i gelati (fiordilatte, crema, pistacchio al pepe e gin); i dolci. La classica pera al vino rosso col fiordilatte; il budino al caffè; il bavarese di zabaione; le torte di casa. Prezzi: coperto 3 euro; antipasti 10-15; primi 12-14; secondi 15-20; dolci 3-6. Menu esposto, ingresso, bagni, parcheggio comodi.
Non mancate
Spaghetti nocciole