Sei in Salute

salute

Sei sovrappeso? La dieta non basta Ti salverà la ginnastica su misura

Abbinare camminate e corse ad altre attività fisiche: altrimenti il solo regime alimentare potrebbe non essere efficace

15 luglio 2020, 10:44

Sei sovrappeso? La dieta non basta Ti salverà la ginnastica su misura

Sovrappeso e obesità, condizioni caratterizzate da un eccessivo accumulo di grasso corporeo, rappresentano uno di principali problemi di salute pubblica a livello mondiale, in costante e preoccupante aumento non solo nei Paesi occidentali ma anche in quelli più poveri. 
Oltre a rappresentare un importante fattore di rischio per varie malattie croniche, quali diabete, malattie cardiovascolari e tumori, secondo recenti stime i decessi attribuibili all’obesità sarebbero oltre tre milioni ogni anno nel mondo. Eccesso e bassa qualità dei cibi, secondo un recente rapporto realizzato da Unicef e Organizzazione mondiale della sanità, pubblicato sulla rivista «The Lancet», sono la causa che ha fatto aumentare i ragazzi in sovrappeso da 11 milioni nel 1975 a 124 milioni nel 2016 con un incremento di ben 11 volte.
 Il documento pubblicato da The Lancet sottolinea anche che la pubblicità aggressiva per alcuni prodotti è un grande rischio per i bambini a livello globale. In alcuni Paesi, un bambino vede quasi 30.000 annunci pubblicitari in televisione ogni anno e la pubblicità di cibo spazzatura e bevande zuccherate secondo gli esperti è legata al sovrappeso e all'obesità sempre più dilaganti. Anche la pandemia da Covid 19 ha mostrato correlazioni con sovrappeso e obesità: un indice di massa corporea (BMI) elevato (sovrappeso o obesità), sembra essere correlato a una prognosi sfavorevole nei pazienti affetti da Covid-19 indicando un possibile ruolo dei chili di troppo nell’influenzare l’esito anche di questa patologia.
L’Intensive care national audit & research center britannico ha pubblicato un report preliminare su 2249 pazienti con Covid-19 ricoverati in terapia intensiva in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord che ha evidenziato le caratteristiche dei pazienti con Covid-19 ricoverati in terapia intensiva: età media 61 anni, 73% uomini,  73,4% in sovrappeso, 37,7% obesi. A maggior ragione la lotta contro sovrappeso e obesità deve diventare quindi una priorità assoluta per tutti i paesi ed in particolare anche per l’Italia dove mediamente più di un terzo della popolazione è in sovrappeso e circa il 10% è obesa, con maggiore incidenza del fenomeno nelle Regioni del Sud.
Per fronteggiare questa pericolosa epidemia non sono sufficienti le diete ma è necessario un approccio combinato di esercizio fisico-muscolare e corretta alimentazione. E’ sbagliato pensare che una dieta molto restrittiva ed eccessivamente ipocalorica sia la soluzione ottimale in quanto la perdita di muscolo e di massa magra che queste diete spesso comportano fanno abbassare il metabolismo con veloce ripresa dei chili persi. Un corretto piano di dimagrimento va  effettuato dopo una attenta valutazione della composizione corporea, dell’anamnesi, dell’età e della situazione metabolica e ormonale del soggetto e dopo aver fatto una attenta valutazione dei parametri organici e muscolari. 
L’attività motoria indispensabile per ottenere e mantenere i risultati andrà modulata sulla base di tutte le caratteristiche individuali del soggetto, sempre abbinando una parte aerobica ad esercizi per il mantenimento o il miglioramento del tono muscolare e della forza. Un'attività solamente aerobica, come ad esempio la camminata o la corsa, potrebbero infatti produrre un processo di distruzione della massa muscolare con calo del metabolismo e conseguente minore efficacia della dieta. 
Per ogni persona quindi è importante che l’attività fisica da abbinare ad una dieta equilibrata sia individualizzata e svolta alla corretta intensità di carico, alla giusta frequenza settimanale ed incrementando nel tempo sia la durata che la progressione dell’esercizio.
 Fondamentale infine ridurre lo stress che, causando elevati valori di cortisolo, rende più difficile il calo di massa grassa, e monitorare il programma alimentare e motorio adattandolo col passar del tempo alla nuova  situazione raggiunta.