15°

26°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nadia Toffa per la prima volta senza parrucca

social network

La prima volta di Nadia Toffa senza parrucca: selfie con la mamma

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa

FESTE

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa Foto

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Notiziepiùlette

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Data - Ora inizio 20/09/14 - 17:00

Data - Ora fine 20/09/14 - 19:00

Tipologia Arte e Cultura

Dove Rocca

Località Sala Baganza

Libri

Antifascismo, martirio parmigiano

«Ti riporto a casa» di Nicola Maestri.

Antifascismo, martirio parmigiano

Disegno originale di Fogliazza

Ricevi le news
0

Giuseppe Barbieri, Vincenzo Ferrari, Eleuterio Massari, Gedeone Ferrarini, Ottavio Pattacini, Afro Fanfoni, Bruno Vescovi. Questa storia parte con loro, uomini uniti prima dalle sevizie e poi dalla morte, trovata il 1° settembre 1944 per mano nazifascista. Non furono gli unici, come ben sappiamo, ma Giuseppe, Vincenzo, Eleuterio, Gedeone, Ottavio, Afro e Bruno – non finiremo mai di ricordarli – rappresentano i nostri sette fratelli. C’è una lapide in piazza Garibaldi, che a questi nomi aggiunge: «La città di Parma non vide mai nei secoli scempio così crudele dei suoi figli».
Se questo libro fosse un dipinto, sarebbe «Guernica»: la violenza e la conseguente oscurità, la sofferenza delle vittime (li trovarono letteralmente a brandelli), lo strazio dei loro cari, la distruzione della società. Per questo Nicola Maestri, nipote di Eleuterio Massari, spinto dal bisogno della testimonianza ha scritto «Ti riporto a casa» (lo presenterà domani alle 17 nella Rocca di Sala Baganza). Lo ha scritto non solo per se stesso: è come se Maestri continuasse a suonare quelle campane della chiesa di San Giuseppe, Oltretorrente… borgo Paglia, la casa dove vivevano i suoi nonni con le loro tre bambine. Sarà Iride, la più piccola, a dare alla luce Nicola. Tengono svegli, le campane. Ma Livia non prende sonno dal 18 agosto ‘44, da quando il suo Eleuterio è stato preso e arrestato dalle Brigate nere. Un bravo marito, ottimo papà e gran lavoratore. Bello. Con un sorriso meraviglioso. Un uomo dolcissimo, incontrarlo fu «come vedere una stella cadente». Faceva l’ambulante e aveva trovato la sua sposa lontano da Parma, a San Vito al Tagliamento, vicino Pordenone. Una stupenda storia d’amore. Nicola Maestri lo descrive coniugando i verbi al presente, come se Eleuterio – dal greco eleutherios, libero – fosse ancora tra noi. Forse c’è davvero, anche grazie a questo nipote con la passione per la scrittura. Il mondo di Eleuterio Massari è minimo: moglie, figlie e lavoro. Fa divertire il quartiere, tira l’aquilone per borgo Paglia facendosi rincorrere dai ragazzini. Ah, come volava alto. E’ qui che l’esordiente Nicola Maestri fa porre una sola domanda al lettore: perché?
L’Oltretorrente è un frammento dai confini segnati dalle sue strade. Tuttavia, quel 18 agosto e quel 1° settembre allargheranno per sempre le barriere del quartiere, coinvolgendo tutta la città come un abbraccio attorno a sette famiglie. Lo scrittore fa rivivere molto bene quei giorni e quei momenti vissuti dal nonno e dalla nonna. Non inserisce giudizi critici; racconta col cuore, questo sì, il dramma di un uomo, di una donna e di una intera comunità. Fissa tra le pagine un’esperienza vissuta, trasgredendo all’intimo silenzio mantenuto fino a oggi dalla famiglia. Ed è proprio nonna Livia che gli racconta come andarono le cose: prima, durante e dopo.
Maestri si fa aiutare dall’illustratore parmigiano Gianluca Foglia – Fogliazza – che grazie ai suoi disegni rende ancor più vivo sia il ricordo dei momenti felici, sia il dramma di quell’estate nera e vile. Poi ci sono le foto di Parma, le targhe dei borghi, di quei muri che ancora andrebbero accarezzati per lenire il dispiacere e asciugarne le lacrime.
C’è una sentimentalità irreprimibile in «Ti riporto a casa», il senso del coraggio e della resistenza. Non disperde nemmeno una virgola, Nicola Maestri. Fila dritto come un treno, dal finestrino ci indica i dettagli delle vicende personali del nonno e il mutare degli stati d’animo suoi e della signora Livia. Il lettore non si sente straniero, si sente parte della storia e anche per questo occorre ringraziare la donna che ha aperto la sua casa per raccontare e condividere, come quando si spezza il pane e lo si distribuisce a tutti. Che donna forte, Livia, che si riporta a casa il suo Eleuterio. E’ lei, come in «Guernica», la lampada che tiene in luce la speranza.

Ti riporto a casa
di Nicola Maestri
Epika, pag. 144, 12,90

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

Il pensionato e l'officina in nero: sequestro e multa da 10mila euro Video

via zanardelli

Il pensionato e l'officina in nero: sequestro e multa da 10mila euro Video

8commenti

FATTO DEL GIORNO

Strattonano un'anziana, la fanno cadere e la rapinano alla fermata del bus

2commenti

PARMA

Un logo per la Barilla, concorso al Toschi: ecco le studentesse premiate Foto

Un concorso per premiare i dipendenti con 25 anni di anzianità in azienda

polizia

Aggressione nella notte in via D'Azeglio

1commento

segnalazione

San Leonardo, bossoli di arma da fuoco sul marciapiede

3commenti

POLIZIA MUNICIPALE

Sequestrate 120 paia di scarpe e giubbotti contraffatti. Video: ecco come scoprire i falsi

Denunciati due senegalesi

1commento

carabinieri

Colpì il giardiniere a badilate: arrestato commerciante di Langhirano

1commento

ALLUVIONE

La Procura replica all'attacco di Pizzarotti: «Parole scomposte»

13commenti

bardi

Cade nel bosco mentre fa legna: soccorsi difficili per un 67enne ferito

CARABINIERI

Prima il furto all'Ikea, poi l'aggressione al cassiere: arrestato 30enne reggiano

E' divenuta esecutiva la condanna per rapina e lesioni nei confronti di un uomo per un episodio del novembre 2014

CALCIO

D'Aversa: "Il sistema di gioco si decide in base ai giocatori disponibili" Video

lutto

Addop a Maria Piovani, la "nonnina" di Marzolara

Vedova di Enrico Alfieri dal 1971, diceva spesso: «Se mi garantissero che quando muoio lo ritrovo di là, non ci penserei due volte»

reggio emilia

Cellulare rubato passa di mano, due denunciati a Montechiarugolo, due a Felino

Inchiodati grazie al tracciamento, ma il telefono è sparito

COLORNO

Dopo l'incidente scappa: «inchiodato» dalle telecamere

gazzareporter

Rissa fra ragazze: volano bottiglie di birra (e infrangono un portone)

Stazione

Chiude il piano dei senzatetto

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi e l'alibi del voto regionale

di Luca Tentoni

NOSTRE INIZIATIVE

"Il terzo giorno": la mostra in 8 pagine speciali

ITALIA/MONDO

Genova

Cinque Terre, misteriosa macchia bianca in mare

TRAFFICO

Camion si ribalta in tangenziale a Milano, tondini sulla carreggiata: 5 feriti, traffico bloccato

SPORT

MOTOGP

Austin: Iannone il più veloce. Quarto Rossi

RUGBY

I giocatori delle Zebre allenano i piccoli giocatori Foto

SOCIETA'

usa

"Carrie" tifa per l'amica "Miranda" governatrice di New York

FOTOGRAFIA

Figure contro, la fotografia della differenza: mostra allo Csac Foto

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia