10°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Cerca il meteo del tuo Comune

SCOPRI LE altre SEZIONI

Sanremo, la Rai smentisce aumenti del compenso per Claudio Baglioni
TELEVISIONE

Sanremo, la Rai smentisce aumenti del compenso per Claudio Baglioni

 
"Fammi luce" alla libreria Diari di bordo
PARMA

"Fammi luce" alla libreria Diari di bordo

 
Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai
PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai

 
L'AGENZIA DEI BUGIARDI

L'AGENZIA DEI BUGIARDI

 
Il senegalese Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»
CALCIO

Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

 
Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»
Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

 
Leonardo Da Vinci
MILANO

Leonardo Da Vinci: il meglio del Codice Atlantico

 
Pronti per l’ultima stagione del Trono di spade? Ecco come prepararsi all’evento tra mappe interattive e le location della serie di culto_got
HI-TECH

Trono di spade: come prepararsi all’evento fra mappe interattive e le location della serie

 
Aeroporto di Parma: infrastruttura decisiva per il territorio
PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

 
Locanda del culatello
CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

 
Ecco 20 nuove offerte per chi cerca lavoro: LA BACHECA DELLA GAZZETTA DI PARMA – 15 GENNAIO 2019
LA BACHECA

Ecco 20 nuove offerte per chi cerca lavoro

 
Da Parma alla Normale: i destini incrociati di tre studenti prodigio
UNIVERSITÀ

Da Parma alla Normale: i destini incrociati di tre studenti prodigio

 
Misterioso avvelenamento del cane di Beatrice di York a Windsor
inghilterra

Misterioso avvelenamento del cane di Beatrice di York a Windsor

 
Don Rossolini: «Pizzarotti deve dimettersi»
PARMA

Don Rossolini: «Pizzarotti deve dimettersi». Il sindaco: «Si tira dritto senza se e senza ma»

 
Tonfo di Apple, crolla a Wall Street: -10,01
Borsa

Tonfo di Apple, crolla a Wall Street: -10,01

 
Ipsia e Itis: i video dei ragazzi su razzismo, inquinamento e degrado in città
SCUOLA

Ipsia e Itis: i tre video dei ragazzi su razzismo, inquinamento e degrado in città

 
Nasce lo spazzino di quartiere, venti operatori per le varie zone della città
Parma

Nasce lo "spazzino di quartiere": 20 operatori in tutta la città. Video di "Io parlo parmigiano"

 
Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid
MODA

Sfilare a New York? Un affare delle sorelle Hadid Video

 
Torna Gazzarock
MUSICA

L'unico ParmAwards deciso dal pubblico: votate il "vostro" Gazzarock

 
Offerte Kauppa
scegli la tua

Offerte Kauppa

 

In pieno centro

«Bollicine San Bartolomeo», tradizione di qualità

Nel menu piatti vegetariani e di pesce

0

Cambia la gestione e cambia la denominazione che ora porta nell’insegna il nome del santo che già battezza la piazza -e così l’identità tra luogo e ristorante è, anche formalmente, completa. Affacciata sul piazzale, che le regala luce e vista sul campanile e sull’abside della chiesa, la sala da pranzo al primo piano conserva gli stessi arredi, i bianchi tavoli moderni con tovagliette di carta paglia e tovaglioli in lino, musica di sottofondo, quadri di artisti contemporanei. Atmosfera rilassata e amichevole, servizio gentile e sorridente nell’elegante divisa d’ordinanza, carta dei vini molto ricca e curata negli spumanti, nei metodo classico, negli champagne e con un’intelligente sezione dedicata ai prosecco di qualità che rende finalmente bevibile questo vino leggero e interessante, ma travolto e reso, quasi sempre, mediocre dal suo successo planetario. E’ invece cambiata la cucina che ora allinea tre liste di piatti (tradizione, vegetariano, bollicine a base di pesce di mare) e un menu stagionale dedicato alla carne di bue grasso (39 euro).

La cucina, i piatti Preparazioni semplici e pulite, senza voli o ardimenti, che mettono al centro del piatto la materia prima, l’accompagnano con pochi ingredienti e condimenti leggeri. Così si inizia con gli antipasti di salumi (8,50-10 euro) e torta fritta (4 euro) o antipasti di pesce (7 euro, 20 il crudo): un buon tortino di baccalà con dolci cipolle rosse caramellate, tenaci moscardini in guazzetto di pomodoro e fagioli oppure, dal menu vegetariano, uno spento strudel di carciofi e gommoso Taleggio. Sono una piacevole sorpresa, tra i primi (8-15 euro), i piccoli tortelli d’erbetta con pasta chiara e setosa, dolce ripieno e misurato condimento al burro; discreto il ragù di mare con capperi che condisce linguine o tagliolini. E ancora: anolini in brodo, tortelli di zucca, tagliolini con ragù bianco di strolghino o con astice, pomodorini e rucola, zuppa di ceci e gamberi. Tra il pescato del giorno c’è anche la sogliola, pesce gradito e che raramente si trova al ristorante, preparata in filetti e con una corretta salsa al vino bianco e carciofi; tenace la tagliata del pregiato Black Angus in precisa cottura al sangue; altri secondi (12-18 euro): punta di vitello ripiena, ossobuco alla milanese, guanciale di maiale al vino rosso, padellata di calamari e carciofi.

Per finire Ghiotta scelta di dolci (4 euro) accompagnati da una selezione intrigante di vini adeguati. Ed allora ecco il tiramisù nel bicchiere, la buona Tatin con crema e riduzione di Calvados, la mousse di cioccolato, il semifreddo alle noci e nocino. Pagherete un pranzo completo di quattro piatti circa 40 euro (bevande escluse). Menu esposto, pane grissini 2 euro, accesso alla sala e al bagno con scale, parcheggio Toschi.

Non mancate Tortelli d’erbetta

Dimenticate Moscardini in guazzetto

English version below

A change of management and a change on the sign to the name of the saint that had already christened the piazza – and thus the sense of identity of the place and the restaurant is, also formally, complete. Facing onto the small square that brings it light and a view of the church bell tower and apse, the first-floor dining room has kept its furnishing, the modern white tables with straw paper place mats and linen napkins, background music, pictures by contemporary artists. A relaxed, friendly atmosphere, pleasant smiling service in a smart uniform, a full wine list with care over the bubblies – Spumanti, "classic method", Champagne, and an intelligent section dedicated to quality prosecco that finally makes this light wine drinkable; a wine that's interesting, but overwhelmed and almost always rendered mediocre by its planetary success. Meanwhile the menu has changed and now offers three lists of dishes (traditional, vegetarian, sea fish) plus a seasonal menu dedicated to the meat of the fat ox (€39).

The cuisine, the dishes 
Simple, clean preparations, without digressions or derring-do, that put the raw material in the centre of the plate, and accompany it with few ingredients and light dressings. And so onto the cured meat starters (€8.50-10) with some traditional torta fritta fried dough (€4) or fish starters (€7, or €20 raw): a fine salt cod pie (Tortino di Baccalà) with sweet caramelized red onions, some tenacious musky octopus (moscardini) in a stew of tomatoes and beans or, from the vegetarian menu, an insipid artichoke strudel with gummy Taleggio cheese. One pleasant surprise among the first courses (€8-15), the small tortelli with chard (erbetta) their pasta light and silky, the filling sweet and measured, dressed with butter; only so-so the seafood sauce with capers that dresses the linguine or tagliolini. In addition: Anolini in Brodo, Tortelli di Zucca (pumpkin), Tagliolini with Strolghino salame sauce or lobster (astice), cherry tomatoes and rocket, or a soup of chickpeas and prawns (ceci e gamberi). Amongst the catch of the day is some sole (sogliola), an enjoyable fish rarely to be found in restaurants, prepared filleted with an appropriate sauce of white wine and artichokes (vino bianco e carciofi); on the tough side the sliced beef of the precious Black Angus precisely cooked rare; other second courses (€12-18): stuffed veal (Punta di Vitello Ripiena), marrowbone (Ossobuco alla Milanese), pork cheek in red wine (Guanciale di Maiale al Vino Rosso), or stir-fried squid and artichokes (Calamari e Carciofi).

To finish off 
A mouth-watering selection of desserts (€4) accompanied by an intriguing selection of suitable wines. And so to the Tiramisù in a glass, a delicious Tatin tart with custard and Calvados reduction, a chocolate mousse, or a semifreddo soft ice-cream with walnuts and walnut liqueur (noce e nocino). You'll be paying around 40 Euro for a complete four-courser (drinks excluded).. Menu on display, bread and bread sticks €2, stairs to access the dining room and toilet, parking at the Toschi car park.

Not to be missed 
Tortelli d’Erbetta

Best forgotten 
Moscardini in Guazzetto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0