Sei in Scuola

SCUOLA

Bonaccini: "Se aumentano i contagi, per la scuola le soluzioni sono Dad o orari differenziati"

16 ottobre 2020, 09:15

Bonaccini: "Se aumentano i contagi, per la scuola le soluzioni sono Dad o orari differenziati"

«Se i contagi dovessero ulteriormente aumentare, per non far perdere l’anno scolastico ai ragazzi» le 'soluzioni" sono due: «o si introduce la didattica a distanza - parziale, totale - per coloro che hanno necessità - oppure si differenziano gli orari della scuola». Lo ha detto Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni a Mattino 5. 
«Se gli orari scolastici vengono distribuiti in maniera più spalmata sull'arco della mattina e del pomeriggio - ha aggiunto - diminuisci la pressione su coloro che devono essere portati a scuola e riportati a casa». 

Se il governatore campano De Luca «ha preso quella decisione» ovvero chiudere le scuoloe per limitare i contagi del Sars-Cov2 «avrà i suoi buoni motivi - ha risposto poi Bonaccini -. La Campania, se guardiamo i numeri, ha contagi in termini assoluti molto elevati e soprattutto ha una percentuale di positivi sulle persone sottoposte a tampone tra le più alte in Italia». 

«Credo che bisogna, nelle prossime ore, provare insieme al Governo a fare valutazioni, decidere, discutere», ha proseguito il presidente dell’Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni a Mattino 5, a proposito delle questioni legate a scuola e trasporto pubblico locale e pandemia. 
«Avremo questa mattina una Conferenza delle Regioni, una unificata e una Stato-Regioni. Non per discutere questo, ma lo dovremo fare immediatamente nelle ore e nei giorni successivi», anche «per capire come seguire la curva epidemiologica che sta crescendo molto, c'è stata una esplosione negli ultimi giorni».