Sei in Università

UNIVERSITA'

Coronavirus, il modello matematico parmigiano: il lockdown ha evitato il doppio delle vittime

29 maggio 2020, 10:59

Coronavirus, il modello matematico parmigiano: il lockdown ha evitato il doppio delle vittime

 Il lockdown e il comportamento responsabile della popolazione hanno permesso di evitare il doppio delle morti e di scongiurare circa il 46% in più di contagi per il coronavirus che si sarebbero avuti nel caso di assenza di adesione volontaria alle restrizioni. Le informazioni fornite da mass media e autorità e il conseguente allarme sociale hanno influito positivamente sull’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia.
Lo mostra un modello matematico elaborato da Rossella Della Marca, dottoranda di ricerca in Matematica all’Università di Parma e da Bruno Buonomo, docente di Fisica Matematica all’Università di Napoli Federico II. Lo studio, pubblicato su “medrXiv”, sito che ospita i lavori non ancora rivisti dalla comunità scientifica, ha suddiviso la popolazione sulla base della gravità della malattia (sani, infetti asintomatici e sintomatici, guariti) e considerato i dati epidemiologici dal 24 febbraio al 18 maggio.
La ricerca mostra che l’informazione sullo status della malattia nella comunità (in particolare i dati sui ricoverati in ospedale e in isolamento domiciliare) ha avuto un ruolo chiave, determinando non solo attenzione ma allarme sociale e facendo aderire le persone in modo significativo alle restrizioni del lockdown.
La copertura informativa stimata dai ricercatori, veicolata da mass media e autorità, è stata grosso modo dell’80%: le persone sono cioè state consapevoli di circa l’80% dei casi accaduti, contro un 20% che non è arrivato perché i dati non sono stati raccolti o si sono dispersi.
Lo studio ha calcolato anche la tempestività delle informazioni: da quando le strutture sanitarie hanno registrato i dati a quando questi sono arrivati ai cittadini, si è stimato che siano trascorsi circa 3 giorni.