×
×
☰ MENU

Favole crociate: ha cominciato Scozzarella - Video

15 Marzo 2020,02:56

Per dare un contributo e provare a stemperare un po' il clima tra le mura domestiche entro cui sono costretti in questi giorni grandi e piccini, il Parma ha varato ieri una simpatica iniziativa: sulla pagina Facebook del club ogni giorno un giocatore leggerà una favola per ragazzi. 
L'onere di varare i reading è toccato a Matteo Scozzarella, collegato in diretta dalla cameretta della piccola figlia Lavina che, mentre il papà leggeva, se lo teneva stretto stretto.
La prima lettura ha riguardato non una bensì due favole di Gianni Rodari, brevi e, come nel suo stile, anticonvenzionali. Forse più adatte, data la grande modernità del loro autore, ai bambini di oggi che a quelli di sessant'anni fa. 
La prima è stata ''Il paese con la S davanti'': un ragazzo arriva in un paese e gli abitanti gli spiegano che lì gli oggetti si pronunciano con una S iniziale in più. La cosa non è solo un capriccio fonetico ma ha un valore semantico, nel senso che rovescia il significato. Ad esempio il temperino fa crescere le matite, lo staccapanni ha già incorporati i cappotti sia da uomo che da donna, lo scannone è uno strumento di pacifismo e non di guerra. 
LETTORE DISINVOLTO
Nella seconda favola, ''Il topo dei fumetti'', un roditore disegnato esce dalle pagine dei giornaletti e si unisce  a un gruppo di reali roditori senza però riuscire a comunicare perché conosce solo la strana lingua dei fumetti. Apprezza il gusto del vero formaggio ma non lega con gli altri topi: finirà per fare amicizia con un gatto, anche lui fuoriuscito dai cartoon.
 Entrambe le storie sono tratte dalla celeberrima raccolta ''Favole al telefono'' del 1962. 
Matteo Scozzarella le ha lette con notevole disinvoltura, coinvolgendo anche la sua bambina. 
La lettura dei testi rimarrà a disposizione sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del Parma Calcio.
E' poi sempre attiva la possibilità di aderire alla sottoscrizione  lanciata dal club, ''Aiutiamo la squadra più forte di Parma'' per sostenere il reparto di malattie infettive del nostro Ospedale.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI