Sei in Animali

ANIMALI

L'opposizione: «Abbandono e incuria al canile». La Paci: «Previsti interventi»

di Luca Molinari -

30 ottobre 2020, 08:55

L'opposizione: «Abbandono e incuria al canile». La Paci: «Previsti interventi»

«Abbiamo stanziato trecentomila euro per ristrutturare parte del canile. A giorni inoltre uscirà il bando per affidare la direzione sanitaria della struttura».
 È quanto annunciato da Nicoletta Paci, assessore con delega al Benessere animale, durante il sopralluogo di ieri  pomeriggio al canile-gattile comunale da parte della  commissione consiliare competente. Un sopralluogo che era stato richiesto in particolare dal capogruppo Pd Lorenzo Lavagetto qualche settimane fa.
LE ASSOCIAZIONI ANIMALISTE
 All’ingresso della struttura di via Melvin Jones erano presenti alcuni volontari che hanno consegnato ai consiglieri un documento in cui si ribadivano una serie di problematiche - esternate anche in precedenti occasioni e accompagnate da numerose foto- unite alla forte preoccupazione per il fatto che «non solo non viene garantito il benessere  degli animali, ma è messa a rischio la loro vita».
GLI INTERVENTI PREVISTI
 L’assessore Paci ha risposto alle denunce dei volontari e ad alcune domande dei consiglieri – che hanno effettuato un tour completo di canile e gattile – annunciando una serie di interventi alla struttura e ai suoi servizi. «È pronto il progetto di riqualificazione dell’area per la quarantena dei cani, ossia quella più problematica del canile – ha spiegato l’assessore – L’intervento ha un costo di trecentomila euro e, per una minima parte, sarà finanziato dalla Regione. Per il resto si tratta di soldi comunali. I lavori dovrebbero partire nella tarda primavera». È stato quindi sottolineato che altre problematiche del canile sono legate alla sua progettazione iniziale. «Sono state effettuate delle scelte iniziali che si sono rivelate sbagliate e alle quali stiamo cercando di porre gradualmente rimedio» ha proseguito la Paci. Negli anni passati sono state rifatte le fognature e il piazzale. Quanto alla gestione sanitaria del polo, a giorni uscirà il bando per affidare una nuova direzione sanitaria. «Abbiamo cercato disperatamente di avere una direzione sanitaria del polo – ha confermato la Paci – perché nel periodo del lockdown è scaduta la precedente. Nel corso dell’emergenza sono stati effettuati degli affidamenti diretti ai veterinari disponibili. L’Ausl inoltre ci sta supportando nell’ingresso dei nuovi cani e in altri servizi. Per il resto ci appoggiamo a cliniche veterinarie con le quali abbiamo una convenzione e all’ospedale universitario». Problematica la situazione del vicino gattile, dove tettoie e gabbie versano in cattive condizioni. Nel canile sono ospitati una media di 120 cani e 150 gatti tra la struttura di via  Jones e di  Vicofertile.
«STRUTTURA ABBANDONATA»
 Giuseppe Massari (Parma Protagonista) ha sottolineato come dal sopralluogo «siano emerse tutti i problemi denunciati in questi anni dai volontari». «La struttura ha bisogno di un grande investimento perché è stata abbandonata a se stessa – ha aggiunto – E poi manca un veterinario. Sarebbe stato utile invitare al sopralluogo anche le associazioni animaliste». Secondo Emiliano Occhi (Lega) «è ingiusto dare la colpa a scelte passate per la situazione di incuria in cui versa la struttura. Sono anni che segnaliamo gli stessi problemi  che non vengono risolti».