Sei in Animali

COMPAGNE DI BRANCO

Prevenire il rischio di toxoplasmosi nelle donne in gravidanza

 Volete che la foto del vostro beniamino venga pubblicata nel prossimo appuntamento  della nostra rubrica?  Niente di più semplice: immortalate i vostri amici mettendo bene a fuoco il loro muso, scattate  e inviate la foto a compagnedibranco@gmail.com  
 Il nuovo tema delle foto è primavera/estate. Come sempre tutti gli animali sono i benvenuti! 
 

12 luglio 2021, 14:45

Prevenire il rischio di toxoplasmosi nelle donne in gravidanza

Bentornati  cari compagni e compagna di branco! Oggi le vostre Compagne di branco  vogliono aiutarvi a fare un po’ di chiarezza su un argomento che spesso crea panico e preoccupazione: la convivenza tra animali e donne in gravidanza.

Interpelliamo quindi il nostro medico veterinario di fiducia la dottoressa Amanda Pellegri sulla parte sanitaria.

Parliamo della patologia zoonotica più famosa: la toxoplasmosi. Questa malattia causata da un parassita chiamato Toxoplasma Gondii può essere molto rischiosa se contratta durante la gravidanza e come sanno bene le future mamme, tra i controlli di routine, sono presenti anche i test per valutare la presenza o meno di questa malattia. 
Chi deve prestare maggiore attenzione è l’individuo che non l’ha mai contratta.
Nonostante gli studi scientifici negli anni abbiano evidenziato che il rischio maggiore di infezione avviene dal consumo di carne poco cotta e verdure non lavate accuratamente, nel pensiero comune c’è sempre: toxoplasmosi= gatto!
Molte famiglie in attesa di nuovi nascituri pensano che il loro gatto domestico possa essere fonte di infezione; i futuri genitori, in alcuni casi, vengono anche appoggiati dai propri medici e, presi dal panico, cercano di liberarsi del gatto domestico. 
Ma se è vero che il gatto è l’ospite principale del parassita, è altrettanto vera una cosa importante: il gatto è infettivo solo una volta nella sua vita, cioè quando, appena contratta l’infezione, libera le oocisti nell’ambiente attraverso le feci per un periodo di massimo 20 giorni. 
Il gatto domestico che viene alimentato con cibo commerciale o cucinato non corre il rischio di infettarsi, mentre i gatti che fanno vita all’aperto e che hanno la possibilità di nutrirsi di piccole prede potenzialmente infette come i topi, sono quelli che rischiano maggiormente.
Inoltre, visto che l’infezione avviene per via oro-fecale (cioè ingerendo feci contaminate) il consiglio che la nostra Lia da sempre alle sue clienti è quello di evitare di cambiare la lettiera del gatto e, se non possono farne a meno, di attuare criteri igienici più rigorosi (guanti monouso). 
Se i gatti in questione hanno la possibilità di fare vita all’aperto allora la futura mamma non dovrà mai entrare in contatto con le deiezioni feline.
Esistono esami che possiamo eseguire sui nostri mici per valutare se hanno contratto in passato l’infezione o per valutare se sono infettivi in un tale momento specifico (anche se non sono sempre sicuri al 100%) per questo vi invitiamo a chiedere sempre al vostro medico veterinario di fiducia prima di farvi prendere dal panico.

Vediamo ora invece con la nostra Lia cosa succede dal punto di vista comportamentale dei cani e la gravidanza.  
Ci teniamo a ricordarvi che i nostri amici fidati attraverso il loro adorabile tartufone sono in grado di percepire l’instaurarsi della gravidanza fin dai primissimi stadi, tanto da rappresentare in alcuni casi un vero e proprio mezzo diagnostico naturale di gravidanza (ovviamente da confermare con esami clinici). Quindi, se avete il dubbio di essere in gravidanza e il cane di turno vi annusa in modo particolarmente insistente o addirittura vi monta può essere che stia segnalando un cambiamento ormonale in atto, tra cui anche la gravidanza.

Col proseguire di questa poi può capitare che i cani con particolari tendenze alla protezione nei confronti dei compagni bipedi aumentino, a volte in modo problematico e preoccupante, questa tendenza nei confronti della gestante che in quel momento agli occhi del cane risulta particolarmente vulnerabile e fragile sfociando a volte in eccessi di aggressività nei confronti di estranei le cui attenzioni risultano particolarmente sgradite e preoccupanti agli occhi del cane.
Attenzione, il fatto che sia una cosa comune non significa che non sia il caso di intervenire contattando un professionista che vi possa guidare nel affrontare al meglio questa situazione, anche perché se lasciamo andare la gestione del cane in questa deriva il grosso rischio è che poi, una volta che il piccolo bipede viene alla luce saranno molto pochi coloro che potranno avvicinarlo, nonni e papà compresi.

Vi invitiamo  come sempre a contattare un professionista di riferimento appena si ha la notizia dell’inizio della gravidanza o ,ancora meglio , quando si inizia a pensare di cercare una gravidanza in modo da arrivare il più pronti possibile al lieto evento e in modo che l’esperto/a , che nel frattempo avrà potuto conoscere bene il cane, possa assistervi in caso di difficoltà anche una volta arrivato il nascituro. 
Cercate di non arrivare all’ultimo momento perché con il pancione o un neonato da tutelare tutti i cambiamenti diventano più faticosi e complicati da attuare.

Per questa settimana è tutto, vogliamo lasciarvi ricordandovi che potete trovare tutte le puntate di Compagne di Branco passate in streaming su Spotify


Seguiteci sui social per tutte le anticipazioni e foto dei vostri amici pelosi:
e-mail: compagnedibranco@gmail.com 
IG:@compagnedibranco
FB: compagnedibranco
Lia Begani
Valentina Tridente
Amanda Pellegri
 

Kira  
Kira semplicemente la vorremmo rubare alla sua umana Elena ma ci accontentiamo di ammirarla in questa foto nella speranza un giorno di essere così fortunate da poterla incontrare.
15/20 per la linguetta.

Chicco  
Super boss Chicco nella sua tutina rosso fuoco. La sua umana Monia dice di lui: astuto, coccolone e possessivo.  Il vibe che ci trasmette è proprio quello. 20/31 per l'attitudine da bello e impossibile.

Pati e Pato  
Non siamo sicure di chi dei due sia Pati e chi Pato ma amiamo la combo a prescindere. Natascia ci informa che sono dolcissimi, impiccioni e diversamente magri. Concordiamo. 17/23 per la combo.

Lucky e Ray  
Lucky il cane, Ray il gatto, e già ci immaginiamo tutte le fantastiche avventure che questi due super amici hanno vissuto insieme...sicuramente per la gioia dei loro umani Lorenzo e Romina. 25/40 per l'aplomb di Lucky e lo sguardo furbetto di Ray.