Sei in Ditelo al veterinario

Cosa fare se i nostri amici si avvelenano

06 ottobre 2019, 14:03

Cosa fare   se i nostri amici si avvelenano

Cosa possiamo fare, nel nostro piccolo, per salvaguardare la salute dei nostri animali in caso di avvelenamento?

I casi di intossicazione sono più frequenti e, purtroppo, più sottovalutati di quanto si possa pensare. Importantissimo è informare il veterinario della storia medica dell’animale, insieme alla tipologia del tossico assunto, se possibile, e al suo, anche supposto, quantitativo. Fondamentale è anche quando è stata assunta la sostanza; l’insieme di queste informazioni permettono di avere un quadro chiaro del pericolo che corre l’animale ed è possibile decidere il tipo di intervento da mettere in atto. In caso di intossicazione, anche se presunta, Le consiglio di portare sempre l’animale dal veterinario, alcuni sintomi possono insorgere in un secondo momento e per questo potrebbe essere necessario ricoverare l’animale per un periodo di osservazione. La prima barriera che un tossico incontra è la cute, tuttavia una esposizione prolungata può portare a gravi danni anche sistemici. Importante è dunque pulire con cura pelle, peli e unghie strofinando con cura la parte contaminata, soprattutto questa operazione deve essere effettuata con una certa urgenza per evitare che l’animale leccandosi ingerisca il tossico. Per effettuare la pulizia basta utilizzare, generalmente, acqua tiepida e sapone neutro e poi asciugare bene l’animale. Nel caso vengano colpiti gli occhi occorre essere molto delicati, utilizzando solamente soluzione saline isotoniche o tuttalpiù acqua tiepida in abbondanza, alcuni prodotti di uso comune (es detergenti) provocano solo una leggera irritazione della congiuntiva e della cornea mentre acidi più forti possono essere altamente corrosivi. Più difficile è intervenire in caso di ingestione del tossico; vomito, diarrea e disturbi neurologici sono sintomi molto comuni ascrivibili a forme di avvelenamento. Le tre fasi principali d’intervento sono: svuotamento gastrico ove indicato ,somministrazione di sostante absorbenti e terapia sintomatica o causale nel caso fosse noto il tossico. 

Angelo Gresia  
agresia@virgilio.it
www.clinicaveterinariasfrancesco.it