Sei in Gazzetta edicola

le nostre iniziative

Libri: Fmr e Gazzetta insieme per scoprire l'arte del Parmense

30 ottobre 2020, 09:02

Libri: Fmr e Gazzetta insieme per scoprire l'arte del Parmense

Da domani prende il via la nuova collaborazione tra la casa editrice Franco Maria Ricci e la Gazzetta di Parma, che prevede la distribuzione insieme al giornale di alcuni volumi che porteranno il lettore alla scoperta dei tesori del territorio. Libri in un agile formato, con numerose immagini a piena pagina che consentono di cogliere anche i più piccoli dettagli, arricchiti da testi di studiosi e storici dell’arte, che ne raccontano la storia e ne svelano il fascino e il valore artistico e culturale.
Si parte con «Fontanellato, la Rocca Sanvitale», in edicola da domani con la Gazzetta a 10 euro più il prezzo del quotidiano. La Rocca Sanvitale di Fontanellato è un luogo estremamente caro a Franco Maria Ricci, che ha sempre amato visitarlo, anche nelle ore più impensate insieme ai suoi ospiti, collaboratori, e amici internazionali (tra questi Borges, Giscard d’Estaing, Sir Roy Strong…) o in solitaria contemplazione.
Il volume conduce il lettore oltre il fossato che circonda la rocca, dentro le mura erette già a partire dal XIV secolo, negli appartamenti della famiglia Sanvitale - feudatari di Fontanellato fino al 1948 - che conservano gli arredi settecenteschi e le opere da loro raccolte, fino a schiudere la perla nascosta. Dopo l’excursus storico condotto da Marzio Dall’Acqua si giunge infatti al capolavoro che qui è conservato: la saletta di Diana e Atteone affrescata dal Parmigianino. Il testo curato da Franco Maria Ricci e Gianni Guadalupi ne svela e allo stesso tempo ne moltiplica i misteri, immaginando un nuovo significato simbolico per il mito greco, da riferire alla storia privata dei committenti Galeazzo Sanvitale e Paola Gonzaga.
«Questa nostra recente riedizione di “Fontanellato” dedicata alla Rocca e agli affreschi della Sala di Diana e Atteone ha l’intento di mostrare, attraverso le sue splendide immagini, un tesoro nascosto padano - dice Edoardo Pepino, responsabile della casa editrice -. È il primo di una serie di libri, una collana preziosa per la scelta dei soggetti, raffinata nella forma, ma accessibile per prezzo, legata a quei luoghi d’arte familiari ai parmigiani, ma dei quali vogliamo rivelare il fascino sublime e i dettagli meno visti. Correggio, Parmigianino, i grandi manieristi emiliani sono Maestri della luce. “Respice Finem” è il motto vagamente leggibile al centro della volta; come se quel bersò morbido e confortevole istoriato con il mito, crudele, di Atteone rappresenti uno specchio dell’anima, un labirinto della psiche chiuso tra quattro pareti. Per FMR è sempre stato una visita imprescindibile, la “Cappella Sistina della Bassa”. Così, dopo averlo visitato attraverso questo libro, rinnovo l’invito a visitare il borgo di Fontanellato, la Rocca Sanvitale e il Labirinto della Masone». 
«A questo primo volume - conclude Pepino - ne seguirà uno dedicato alle opere di Antelami nel Duomo e nel Battistero di Parma, con un testo inedito di Carlo Arturo Quintavalle, e altri seguiranno sulle bellezze di questa nostra terra».