17°

27°

IL METEO NEL TUO COMUNE

Notiziepiùlette

La scommessa (moderata) di Berlusconi sul futuro

La scommessa (moderata) di Berlusconi sul futuro

Forse nemmeno lui stesso, Silvio Berlusconi, immaginava che l’ultima scommessa politica, da molti già data per persa in partenza, sarebbe stata un atto di ribellione contro lo strapotere esibito dall’alleato-rivale Matteo Salvini, e proprio sul terreno dell’informazione televisiva, la presidenza della Rai: partita sempre giocata in prima persona dal Cavaliere, attento a fare di quella nomina un perno della strategia politica complessiva, un elemento di dialogo e intesa istituzionale a vasto raggio, accettando spesso o non ostacolando la nomina di persone dal curriculum inoppugnabile seppur di militanza lontana dal credo del centrodestra.
Stavolta Sua Emittenza ha invece scoperto da fonti giornalistiche come Salvini e Di Maio avessero già scelto per la poltrona di viale Mazzini il loro presidente ideale, il giornalista Marcello Foa, ex inviato e ora collaboratore del «Giornale», il quotidiano di proprietà della famiglia Berlusconi: una sorta di blitz scaturito dall’intesa tra i due politici vincenti, senza nemmeno una telefonata di cortesia. Un gesto, quello di Salvini, probabilmente dettato dal desiderio di riaffermare ancora una volta, e in maniera definitiva, la propria leadership uscita vittoriosa dalle urne del 4 marzo nella gara a due per il premierato, con il segretario leghista davanti di ben quattro punti a quel Cavaliere che per tutta la campagna elettorale aveva fatto di tutto dapprima per minargli la strada verso Palazzo Chigi e poi per far naufragare l’intesa con i Cinque Stelle di Di Maio, ritenuti da Berlusconi un’autentica jattura per il Paese, colpevolmente accettati da Salvini come alleati di legislatura. Davanti all’ennesimo soprassalto decisionista di Salvini, e proprio sul terreno della Rai, un Berlusconi incitato ai suoi al “non possumus” ha messo il guanto di ferro. E il ministro all’Interno, appreso il No del Cavaliere, ha risposto con uno sprezzante “allora adesso non impedirò la diaspora degli azzurri verso la Lega”: una specie di “Delenda Forza Italia”, di proterva minaccia: ridurre Berlusconi a un’inezia nel panorama politico italiano. Dunque un’impresa, una sfida, quelle lanciate da Silvio Berlusconi, che in questo contesto di entusiastica “salvinite” galoppante parrebbero votate allo schianto. Ma l’ultima partita dell’ottanduenne Cavaliere potrebbe riservare sorprese a lunga scadenza: facendo leva su una pacata predicazione del moderatismo, Berlusconi scommette sul lento sfilacciarsi di una maggioranza ritenuta “contro natura”, formatasi esclusivamente sull’accordo di pura spartizione di potere, il cui favore ora altissimo è destinato a fare i conti con prossime scadenze impopolari: la manovra, le tasse, le tante promesse fatte e tutte ancora da realizzare. Berlusconi è convinto che questa maggioranza sia destinata a implodere. Oggi Berlusconi è di fatto l’unico moderato del panorama politico che assiste ai fuochi d’artificio di un governo ancora tutto da giudicare. E il nostro è un Paese che cambia giudizio in fretta.

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

21/09/18

Da qui alle elezioni europee di maggio avremo otto mesi di intensa attività politica nazionale: prima con le scelte legate al bilancio dello Stato, poi con altri provvedimenti (come la legittima ...

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

20/09/18

Dicevano che era solo una questione di percezione. Che se cioè la cosa ti sembrava grave, era tutta colpa della tua immaginazione. Sarà. Sia chiaro: a qualsiasi ora del giorno o della notte solo in ...

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

19/09/18

Signore e signori, all'Italia sono state assegnate le Olimpiadi. Quelle del ridicolo, si intende. Dopo il capolavoro di autolesionismo in salsa grillina per Roma 2024, quando fu chiaro che per M5S un ...

La felice discordia di Salvini e Di Maio

Luigi Di Maio e Matteo Salvini

La felice discordia di Salvini e Di Maio

18/09/18

Sì alla flat tax «purché non sia un favore ai ricchi». Sì al reddito di cittadinanza «a patto che non sia un premio ai fannulloni». «La pace fiscale? Sì, ma che non sia un condono». Divisi e ...

Pietro Barilla, storia di un padre

Pietro Barilla, storia di un padre

16/09/18

Ricorre oggi il venticinquesimo anniversario della scomparsa di Pietro Barilla. Chi sia stato quest’uomo, e quale importanza abbia avuto per la città - ma, in realtà, per tutta Italia - non lo debbo ...

Dalla piccola Greta una lezione per i grandi

Greta Thunberg (foto da facebook)

Dalla piccola Greta una lezione per i grandi

14/09/18

Di solito è dagli anziani che c’è molto da imparare, per il bagaglio di esperienza di cui sono portatori. Ma qualche volta l’esperienza è meglio non averla e ad essa è preferibile una coscienza ...

Genova, ricostruzione ostaggio dell'ideologia

Genova, ricostruzione ostaggio dell'ideologia

13/09/18

Un drammatico allarme sta investendo le banchine di Genova: i detriti del ponte bloccano ancora i binari in uscita e in entrata dal porto, tagliando i rifornimenti delle navi. I carburanti stanno per ...

Politici, prima di parlare contate fino a novanta

Politici, prima di parlare contate fino a novanta

12/09/18

Scotland Yard sta promuovendo Take90, una campagna d’informazione per ridurre la violenza. Per alcuni neuroscienziati aspettare 90 secondi prima di rispondere alle provocazioni disinnesca gli scoppi ...

Il Pd deve ricominciare da zero

Il Pd deve ricominciare da zero

10/09/18

Molti osservatori si interrogano sul futuro del Pd. Se si considera che la forza parlamentare di Leu non è rilevante, che FdI ha un atteggiamento benevolo nei confronti dei provvedimenti di marca ...

Le conseguenze del male (e quelle del bene)

Le conseguenze del male (e quelle del bene)

09/09/18

Non c’è posto di Parma dove non incontri qualcuno che mi chieda del «caso Pesci». A distanza ormai di quasi due settimane dall’arresto, resta quella la vicenda di cui si parla di più in città. Lo ...

Tacito patto per evitare la crisi

Tacito patto per evitare la crisi

08/09/18

“Gli italiani sono con noi”, va ripetendo Matteo Salvini, davanti alle iniziative della magistratura: e alla domanda, posta da Alberto Mattioli della ‘Stampa”, se la Lega cambierà nome per sottrarsi ...

Che cosa succederà ora alla Lega (e al Paese)

Che cosa succederà ora alla Lega (e al Paese)

07/09/18

Che cosa succederà ora alla Lega, dopo che i giudici le hanno imposto di restituire 49 milioni, dieci volte tanto quanto c'è nelle casse di via Bellerio? Non è chiaro. Non si capisce se il partito ...

Questa donna pagata io l'ho

Questa donna pagata io l'ho

05/09/18

Sulla Gazzetta di ieri abbiamo pubblicato, a pagina 6, stralci degli atti con cui la Procura ha ricostruito la notte degli orrori in casa di Federico Pesci. Si legge, nell'articolo di Georgia Azzali, ...

Crisi libica: l'Italia deve esporre la bandiera

Crisi libica: l'Italia deve esporre la bandiera

04/09/18

L’epilogo di questa estate burrascosa ci porta l’acuirsi della crisi libica, con le milizie filo-Haftar a Tripoli, prossime al «compound» nel quale è asserragliato il governo Serraj, voluto dall’Onu ...