11°

18°

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le bellezze dell'Eicma 2018: foto

MILANO

Le bellezze dell'Eicma 2018: foto

Suora salta i tornelli ed entra in metropolitana

ROMA

Suora salta i tornelli ed entra in metropolitana senza biglietto Video

La Egonu si consola con Skorupa, dopo la sconfitta bacia la fidanzata a bordocampo

Foto dalla Gazzetta dello Sport

PALLAVOLO

Paola Egonu bacia la fidanzata Kasha Skorupa a bordo campo

1commento

Notiziepiùlette

Gomme da neve dal 15 novembre

PNEUMATICI

Gomme invernali: tutto quello che devi sapere. Dal 15 il cambio

Mercante in fiera

Antiquariato e fotografia: due mondi in sintonia

Prende il via la preziosa partnership tra il polo fieristico e MIA Photo Fair



Antiquariato e fotografia: due mondi in sintonia

Due mondi apparentemente lontani, l’antiquariato e la fotografia, che Mercanteinfiera punta a miscelare, facendoli dialogare tra loro. Mentre l’antiquariato racconta le “mode” di epoche lontane, attingendo a piene mani dall’opulenza di linguaggi artistici classici come pittura e scultura, la fotografia diventa il mezzo ideale per rappresentare la realtà contemporanea, esprimendo una quantità illimitata di contenuti. Nasce da questo pensiero il punto d’incontro tra Mercanteinfiera e MIA Photo Fair, la rassegna d’arte internazionale di Milano, che celebra l’universo della fotografia: grazie a questa sinergia scatti d’autore, reportage, bianco e nero e paesaggi fanno il loro ingresso all’interno della kermesse dedicata al collezionismo in scena nei padiglioni di Fiere di Parma.

LA SINERGIA

La sinergia tra mondo dell’antiquariato e quello della fotografia è il risultato dell’accordo di partnership stipulato tra il polo fieristico e Fabio Castelli, ideatore e direttore artistico di MIA Photo Fair. In particolare, l’integrazione tra antiquariato e immagini è il risultato di una ricerca coltivata nel tempo proprio all’interno di Mercanteinfiera con una serie di eventi collaterali, che si è poi trasformata in una progettualità più ampia assecondando la comune esigenza di dar vita ad iniziative di grande impatto culturale e caratterizzate da un’ampia versatilità. Da ricordare, poi, che Castelli, collezionista d’arte e di fotografia, è anche membro della commissione che assegna annualmente il Premio Mercanteinfiera.

AMPLIARE GLI ORIZZONTI

“Destinare una quota rilevante dei 45mila metri quadrati di superficie espositiva alla fotografia afferma Ilaria Dazzi, brand manager di Mercanteinfiera - non significa rompere gli schemi con quella tradizione che ha permesso a Mercanteinfiera di acquisire credibilità a livello internazionale. Significa piuttosto ampliare gli orizzonti, inglobando all’interno di uno stesso format stili e visioni differenti. La prestigiosa collaborazione con MIA Photo Fair, oggi rafforzata, oltre a rappresentare un motivo d’orgoglio per noi, esalta quella vocazione che vede Fiere di Parma costantemente pioniere di nuovi sentieri, con l’obiettivo di arrivare a una fetta sempre più ampia di pubblico”.

IL TARGET

E se la fotografia oggi scala il mercato, Fiere di Parma scommette su questa tendenza del gusto trasformandola in un format nuovo e innovativo. “Le abitudini e i gusti cambiano nel tempo - conclude Fabio Castelli, ideatore di MIA Photo Fair - oggi la fotografia non genera più timore nei confronti dei collezionisti in erba o in quelli più esperti, ma ormai la sua richiesta riflette le grandi tendenze del mercato globale dell’arte. Insieme ai puristi, che preferiscono fotografie storiche e moderne, si sono uniti nuovi collezionisti, al passo con i tempi, con una preferenza pronunciata nei confronti della fotografia di sperimentazione (immagine in movimento, fotografia tridimensionale, ologramma...). La domanda è letteralmente esplosa, a tal punto che, in vent’anni, il numero di fotografie vendute all’asta è quintuplicato, in parallelo alle transazioni private, in costante aumento nelle gallerie o durante le fiere d’arte (fonte Artprice 2016). Per questo siamo convinti che questa nuova collaborazione porterà ottimi risultati”. Un nuovo punto di partenza, dunque, che segna l’avvio di un’avventura dove le arti si fondono tra loro, affascinando sia i neofiti dello scatto che i professionisti, oltre che tutti gli amanti del bello in ogni sua forma che da sempre frequentano la kermesse.