13°

21°

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pontetaro: brindisi all'Oktoberfest al bar Alba - Ecco chi c'era: foto

feste pgn

Pontetaro: brindisi all'Oktoberfest al bar Alba Ecco chi c'era: foto

Fa sesso con un alunno 14enne: condannata insegnante in Florida

USA

Fa sesso con un alunno 14enne: condannata insegnante in Florida Foto

fedez

social

Ironia sul figlio, Fedez attacca Striscia poi fa autocritica Video

1commento

Notiziepiùlette

KATE FINN, la donna morta nel cercare il cibo perfetto

VELLUTO ROSSO

Teatro Due: Kate Finn, la donna morta nel cercare il cibo perfetto Video

di Mara Pedrabissi

salute e benessere

Obesità infantile in netto calo: il ruolo chiave delle famiglie



Obesità infantile in netto calo: il ruolo chiave delle famiglie

Finalmente una buona notizia sul fronte obesità infantile: il sistema di sorveglianza coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità ha rilevato una diminuzione del 13% di bambini obesi e in sovrappeso.

ANCORA ERRORI Un dato sicuramente positivo, ma ancora preoccupante: l’Italia continua a figurare nella classifica dei peggiori Paesi europei per livelli di sovrappeso e obesità. L’indagine 2017 ha monitorato 48.946 bambini di 8-9 anni e 48.464 genitori, in un campione rappresentativo di tutte le regioni italiane. La differenza geografi ca tra nord e sud resta forte, ma si è notato un generale miglioramento dello stile di vita, in particolare per quanto riguarda il consumo di frutta e verdura e la diminuzione del consumo di bevande zuccherate o gassate. Il problema principale resta la sedentarietà: il 23,5% dei bambini sottoposti alla ricerca svolge giochi di movimento non più di un giorno a settimana, il 33,8% dei bambini fa sport solo un giorno a settimana e il 18% non ha fatto attività fisica il giorno precedente l’indagine. È perciò importante che i genitori facciano la loro parte, anche perché dallo studio è emerso che il 40% delle madri di bambini in sovrappeso o obesi ritiene che il peso del proprio figlio sia nella norma.

Denti sani sin da piccoli: cura e prevenzione

Quasi un bambino su cinque, in Italia, manifesta carie già tra i 2 e i 5 anni. Ridurre il rischio di malattie dentali nei bambini più piccoli, ed evitare loro dolorose sedute dal dentista, è però possibile. Le carie nei denti da latte sono infatti un problema che si sconfigge con le buone abitudini, attuando alcuni accorgimenti sin da subito. Il primo passo di ogni bambino è familiarizzare con dentrificio e spazzolino. Le cause della carie dei denti da latte sono le stesse delle comuni carie dei denti definitivi: batteri che proliferano nutrendosi di zuccheri derivanti dai residui alimentari. Per evitare la carie - e il conseguente forte mal di denti - è quindi importante ridurre il consumo di zuccheri durante tutto l’arco della giornata e insegnare a lavare i denti con cura e regolarità dopo ogni pasto, spazzolando bene tutta la dentatura. Quanto alla scelta degli spazzolini, meglio preferire i modelli più adatti sia alle caratteristiche morfologiche della bocca dei più piccoli sia alla loro dentizione: la testina è più piccola ed è costituita da setole extra-soft, con tre file di setole flessibili arrotondate per rimuovere la placca. L’ideale per pulire al meglio la dentizione primaria o mista.