Sei in Spettacoli

La parmigiana Cristina Roffi e il romagnolo Valerio Barbieri si esibiscono al concerto Onu a Vienna

18 ottobre 2018, 13:58

Chiudi
PrevNext
1 di 3

Venerdì 19 ottobre alle 13.30 nella Rotunda delle Nazioni Unite di Vienna i concertisti e insegnanti Valerio Barbieri (Santarcangelo di Romagna) e Cristina Roffi (Parma), con un concerto dedicato al Maestro Massimiliano Messieri, inaugureranno la mostra “The Equestrian Orders and the Symbols of San Marino Statehood”. Un concerto all’insegna della contaminazione della musica popolare nella musica classica riletta in versione elettroacustica. Insieme al soprano moscovita Elena Tereshchenko (che ha debuttato brillantemente all’ultima Biennale Musica di Venezia) i due sassofonisti emiliano-romagnoli presenteranno in prima mondiale due partiture di Messieri “…con la luna apparsa nel cuore…” meditazione per voce sola, liberamente tratta da “I canti dell’eremo” di Saigyo (1117) e “Lamed II” (seconda versione), variazione meditativa per soprano, sassofono soprano, sassofono contralto in eco, triangolo e elettronica su il “Salmo I” del Primo Libro dei Salmi. Oltre a Messieri, il selezionato pubblico delle Nazioni Unite ascolterà anche la “Suite Hellenique” di Pedro Iturralde e i “Duetti Contemporanei” di Nigel Wood.


Cristina Roffi ha conseguito il Diploma ad indirizzo Socio-Pedagogico all’istituto magistrale Sanvitale di Parma, il Diploma Accademico di II Livello in Saxofono al Conservatorio “B. Maderna” di Cesena sotto la guida della professoressa Lucy Edna Derosier e il Diploma di Canto al Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena.
Consegue la Laurea di II Livello - Biennio Formazione Docenti al Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro. Consegue il Diploma di Musicoterapia presso il CEP di Assisi – Perugia. Studia “Musica Jazz”, Biennio di II livello in Musica Jazz Conservatorio “A. Buzzolla” di Adria. Per la musica da camera e solistica si perfeziona con Maestri di fama internazionale quali Federico Mondelci, Mario Marzi, Arno Bornkamp, Steve Jordheim, John Sampen, Claude Delangle, Achim Rinke e Fabrice Moretti.
Svolge attività concertistica in Italia e all’estero come cantante e strumentista, collaborando in vari teatri con diverse orchestre sinfoniche, tra cui L’Orchestra Sinfonica della Guildhall School of London e London Symphony Chorus, Orchestra Sinfonica del Conservatorio Bruno Maderna, Orchestra Sinfonica della Repubblica di San Marino la Youth Arts and Sounds, Orchestra Bruno Maderna, Orchestra Sinfonica G. Rossini, eseguendo tra le altre, Turandot, Suor Angelica, Madame Butterfly di Giacomo Puccini, Traviata di Giuseppe Verdi, An american in Paris, Porgy and Bess di George Gershwin. Con l’Orchestra “G. Rossini” di Pesaro suona con Bollani a Riccione “Rhapsody in Blue”. Fa parte di numerose formazioni cameristiche con le quali si è esibita in Ravenna Festival (RA), Festival di Santa Cecilia (VE), Festival del Sassofono di Fermo (AP), Faenza Festival (RA), Il Sassofono strumento inevitabile del 2000 (MI), eseguendo composizioni in prima assoluta di John Cage e Salvatore Sciarrino. Elena Tereshchenko (Mosca, 1989) all’età di 6 anni inizia lo studio del pianoforte e del canto e a 18 anni è selezionata ad entrare nella prestigiosa Accademia di Musica “E. Gnessin” di Mosca. Trasferitasi in Italia nel 2013 si diploma al Conservatorio di Musica di Firenze nella classe di M. Taddei e nel febbraio del 2016 si laurea col massimo dei voti e la lode nella classe del M° G. Fabbrini. Protagonista in numerosi progetti del conservatorio come Susanna in “Le Nozze di Figaro” di W.A. Mozart, Zerlina nel “Don Giovanni” di W.A. Mozart e Dido in “Dido and Aeneas” di H. Purcell. Nel 2017 al Festival della Valle D’Itria è Gertrude in “Margherita d'Anjou” di G. Meyerbeer diretta dal Maestro F. Luisi, terminata questa produzione è invitata al VIII MASKFEST – Festival Internazionale di Nuova Musica a San Marino con la rappresentazione de’ “La Voix Humaine” di Francis Poulenc (Gianni Fabbrini, pianoforte; Anna Tereshchenko, regia), a ottobre partecipa a “Luoghi Immaginari” Festival itinerante della Regione Piemonte con Paolo Zampini (flauto) e Francesco Perissi (elettronica). A dicembre del 2017 è invitata al MASKFEST - Moscow presso l’Auditorium Alexander N. Scriabin, col patrocinio dell’Istituto Italiano di Cultura di Mosca, presentando al concerto inaugurale la prima esecuzione assoluta di “Canto I” (5 lieder per soprano e pianoforte) e “??????” (“La slavina”, lirica per voce femminile e pianoforte) di Massimiliano Messieri, partiture queste che lo stesso compositore le dedica; mentre nella serata successiva “La Voix Humaine” di F. Poulenc (Anastasiya Zimina, pianoforte; Anna Tereshchenko, regia). Nel 2018 è protagonista al Festival Internazionale Suoni Inauditi di Livorno con Valerio Barbieri e il M° Gabriele Micheli nella prima assoluta di “Salmo XLIII” (lirica per soprano, coro maschile, sassofono baritono e live electronics) di M. Messieri, al Festival Internazionale Forfest in Repubblica Ceca con Elena Stojceska e Romain Petiot nella prima assoluta di “A dream within a dream” (lirica per soprano, flauto, chitarra, percussioni giocattolo e elettronica) di M. Messieri; a ottobre è Deus ex Machina in “Trìstrofa” di E. Corpolongo e Gala in “El sueño de Dalí en una noche de Picasso” di I. Ferrando per la Biennale di Venezia, 62° Festival Internazionale di Musica Contemporanea.