Sei in Spettacoli

Tutti matti sotto zero: nello chapiteau in Cittadella vive la magia del Natale

26 dicembre 2019, 10:52

Tutti matti sotto zero: nello chapiteau  in Cittadella vive  la magia del Natale

Ha preso il via ieri nel parco della Cittadella, la sesta edizione di «Tutti matti sotto zero», la rassegna di circo internazionale organizzata e diretta dalla compagnia Teatro Necessario, con il sostegno del Comune di Parma - Assessorato alla Cultura. 
Ad aprire il programma una formazione  francese amata in tutta Europa: Bêtes de Foire - Petit Théâtre de Gestes è una compagnia composta dalla coppia artistica (coppia anche nella vita) Elsa De Witte e Laurent Cabrol, due artigiani della pista, come amano definirsi, che portano per la prima volta in Italia proprio a Parma il loro magico e intimo chapiteau, il tendone da circo sotto cui prende vita il loro mondo. Lo spettacolo sarà in scena fino al 6 gennaio (su richiesta della compagnia l’accesso è consentito dagli 8 anni in su). 
Costumista e performer, Elsa de Witte viene dal teatro di strada. Giocoliere e clown, Laurent Cabrol è passato per la scuola di Annie Fratellini e il circo Romanès, è cofondatore del Cirque Trottola con Titoune e Bonaventure Gacon. Elsa e Laurent, insieme, creano spettacoli «casalinghi», in cui l’intimità vince sulle spettacolarità: «Avevamo voglia di realizzare un circo in miniatura, facile da trasportare, con cui viaggiare dappertutto. Un circo familiare, dove vivere con i nostri due bambini. Ed eccolo qui, il nostro Petit Theatre!» spiega Laurent. Aggiunge Elsa: «Volevamo mettere insieme tutto il nostro sapere. Ecco perché questo spettacolo non ha un genere definito, ma raccoglie la nostra arte, fatta di tante pratiche. Laurent ha lavorato a lungo nel circo classico e ha appreso i suoi codici. A partire da questi, abbiamo costruito un gioco, non per prendere in giro il circo, anzi! Con tenerezza e riconoscenza lo combiniamo con tante altre abilità». Nello spettacolo infatti il circo incontra il teatro di figura, quello gestuale, la danza, la clownerie, il mimo e il clown, passando per il cinema muto. Prosegue Elsa: «c’è molto teatro di figura in questo spettacolo ma io non mi considero una marionettista. In pista scendono dei personaggi inanimati che grazie a noi prendono vita. Ma c’è molto di più…». Il pubblico si immerge così in un universo assurdo, comico ed emozionante, popolato da una moltitudine di bizzarri e colorati esseri: «sono dei personaggi onirici e poetici, che vi trasporteranno in un’altra dimensione. Abbiamo collaborato con molti artisti per questa creazione, che hanno lavorato sui meccanismi e sulla realizzazione di tutto quello che avevamo in testa e che non sapevamo realizzare. Et voilà, eccoli tutti qui i nostri personaggi!».

Grazie a un sapere artigianale e una profonda sensibilità poetica, i due artisti introdurranno gli spettatori nel loro immaginario, pieno di fascino, fantasia, dolcezza, mostrando anche il dietro le quinte del processo di creazione. A qualche centimetro dal proprio naso, scorreranno sulla pista una serie di numeri mozzafiato, in cui protagoniste saranno le «bêtes de foire» che danno il nome alla compagnia. «Con questo spettacolo abbiamo realizzato il nostro sogno, creando un circo come lo intendiamo noi: familiare, artigianale, senza una definizione, nostro!».
La rassegna «Tutti matti sotto zero» è realizzata grazie alla partecipazione di Ater - Circuito Regionale Multidisciplinare dell’Emilia Romagna, al sostegno di Fondazione Cariparma, Regione Emilia-Romagna, Mibac.  Agevolazioni sui costi dei biglietti per i possessori di carte Conad. 
Tutti gli spettacoli in cartellone, gli orari e i biglietti sono su www.tuttimattipercolorno.it.
r.s.