Sei in Spettacoli

SANREMO ROCK

Premiate le Snei Ap: nella band le parmigiane Jude e Ali

di Pierangelo Pettenati -

28 settembre 2020, 09:12

Premiate le Snei Ap: nella band le parmigiane Jude e Ali

Non è un mistero che l’Emilia Romagna sia uno dei territori musicali più fertili d’Italia. L’elenco dei grandi artisti, del passato e del presente, è lunghissimo, ma probabilmente è la grande diffusione dell’attività musicale a tutti i livelli a fare la differenza. 
Uno dei più recenti esempi è la settimana conclusiva di «Sanremo Rock & Trend Festival», il concorso nazionale (con qualche concorrente anche dall’estero) per band emergenti che ogni anno seleziona migliaia di partecipanti in ogni regione.
La vittoria del concorso per la parte rock è infatti andata ai bolognesi Magenta#9 in virtù della capacità di scrittura e di esecuzione dal vivo. 
Alle selezioni finali di metà settembre sul palco dell’Ariston di Sanremo era massiccia anche la presenza parmigiana con ben quattro formazioni: Emotu, I Ragazzi del Tugurio, Hotel Monroe e Dharma Flower. Quattro stili e quattro esperienze molto diverse tra loro unite dalla qualità riconosciuta dalle giurie locali.
Nessuno di loro, però, è riuscito ad arrivare alla giornata finale, quella che ha poi assegnato i premi. Nonostante questo, le soddisfazioni per l’Emilia e per Parma non sono finite: il «Premio Partner», offerto dalla Sonos Music Records è stato vinto dalle Snei Ap, guidate dalla reggiana Sonia Wild e con due musiciste parmigiane in formazione, la chitarrista Jude Menegardi e la bassista Ali Sesenna. 
Grazie a questa vittoria, ottenuta in un concorso con 10.000 iscritti e 280 finalisti, le Snei Ap potranno realizzare una produzione discografica. Ovviamente soddisfatte sia Jude che Ali: «L’esperienza, per quanto ci riguarda, è stata entusiasmante e lusinghiera, non capita tutti i giorni di calcare un palco con l’importanza dell’Ariston».
Questo premio è arrivato con la prima canzone cantata in italiano dopo tanti anni di canzoni in inglese. Probabilmente era la svolta che serviva per dare un’ulteriore spinta all’attività di questa band sempre più interessante.