×
×
☰ MENU

Da «Piazzolla» a «Madre»: il nuovo cinema spagnolo e latinoamericano sbarca a Parma

Da «Piazzolla» a «Madre»: il nuovo cinema spagnolo e latinoamericano sbarca a Parma

14 Ottobre 2021,10:09

La 14esima edizione del Festival del cinema spagnolo e latinoamericano approda per la prima volta a Parma con una selezione del nuovo cinema spagnolo di qualità in versione originale sottotitolata in italiano, al cinema Astra dal 17 al 21 ottobre. Inaugura la kermesse «Piazzolla, la rivoluzione del tango» (nella foto) di Daniel Rosenfeld che sarà in sala proprio domenica 17 (ore 21) per presentare il film in uscita nazionale.

Nell’anno del centenario dalla nascita di Astor Piazzolla, per la prima volta vengono aperti al pubblico gli archivi del leggendario musicista: fotografie, nastri vocali e riprese in super8, che non solo rafforzano la dimensione pubblica e l’inestimabile contributo al mondo della musica, ma fanno luce sulla sfera più intima dell’artista. Il regista riesce così a comporre un ipnotico ritratto di Piazzolla: l’infanzia a Manhattan con il padre Nonino (da qui la celebre «Adios Nonino»); gli inizi di carriera con i più grandi musicisti di tango dell’epoca; la passione per la caccia agli squali; il Nuevo Tango, mix originale di tango e jazz; l’iniziale rifiuto dei tradizionalisti e della critica musicale; il rapporto con la famiglia.

Il programma, curato da Federico Sartori e Iris Martín-Peralta (Exit Media) presenta alcuni tra i titoli più interessanti dell'ultima stagione del cinema spagnolo, come le anteprime assolute  «Intemperie» di Benito Zambrano, vincitore di due Premi Goya 2020 alla Miglior sceneggiatura e alla Miglior canzone originale di Sílvia Pérez Cruz (lunedì 18 alle 16.30); «La inocencia» opera prima di Lucía Alemany in concorso al festival di San Sebastian (martedì 19 alle 21); «Muchos hijos, un mono y un castillo», l'esilarante opera prima di Gustavo Salmerón vincitore come miglior film al festival di Karlowy Vary 2018 (mercoledì 20 alle 16.30). Evento speciale di chiusura l'atteso «Madre» di Rodrigo Sorogoyen, premio migliore attrice Orizzonti per Marta Nieto alla Mostra di Venezia.

Per il cinema classico, una perla di Buñuel arricchisce il programma. Giovedì 21 alle 16.30, sarà di scena nel suo 6o° anniversario  «Viridiana», capolavoro che venne scomunicato dal Vaticano e quindi censurato per lunghi anni in Spagna e in Italia. 

Tutti i film sono proiettati in versione originale sottotitolata in italiano.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI