×
×
☰ MENU

concerto benefico

Fedez e J-Ax: i "di nuovo amici" conquistano una Milano bollente. 190 malori al LoveMi per il caldo - Foto

29 Giugno 2022,09:45

Sono state oltre 190 le persone che, in gran parte colte da malore per il caldo, si sono rivolte a personale del 118 nel corso della giornata in piazza Duomo a Milano dove si è tenuto LoveMi, il concerto di beneficenza organizzato da Fedez con la partecipazione di J-Ax.
Di queste - spiega la Questura -, quattro sono state trasportate in ospedale e nessuna è grave. «Su determinazioni del Comitato dell’ordine e della sicurezza pubblica presieduto dal prefetto Renato Saccone, il questore Giuseppe Petronzi ha predisposto un complesso dispositivo a salvaguardia dell’ordine e della sicurezza pubblici che ha provveduto al monitoraggio e alla gestione del pubblico che, giunto sin dalle 9:30 di martedì ha raggiunto la massima capienza di 19.400 persone alle 17», specifica la Questura. La piazza era stata messa in sicurezza dalla serata precedente per le bonifiche. Sono state aumentate le misure di sicurezza già in atto con il contributo dell’organizzazione dell’evento musicale. E’ stato impiegato anche personale dei Carabinieri, della Guardia di finanza e della Polizia locale.
Nel corso del concerto la Polizia di Stato ha controllato oltre 200 persone, accompagnandone sei in Questura. Due di queste sono state indagate: una per atti osceni in presenza di minori e l’altra per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.

La cronaca del concerto

La pace tra Fedez e J-Az si è festeggiata in piazza Duomo a Milano con 20 mila persone che volevano divertirsi dopo il buio dell’epidemia che aveva impedito i concerti dal vivo. Ed era questa l’idea di LoveMi che ha visto partecipare soprattutto giovanissimi i quali, però, hanno esultato per la presenza della sempreverde Orietta Berti. Fedez e J-Ax per qualche anno non si erano parlati, per ragioni ancora non del tutto esplicitate, ma in serata il loro abbraccio ha avuto ancora più valore, nel nome della musica e nelle ragioni dello stare insieme, della solidarietà.
Per questo, infatti, oltre al ricostituito duo, un’altra ventina di artisti si è mobilitata per raccogliere fondi, grazie al numero solidale 45595, in per Tog- Togheter To Go, Onlus diventata centro di eccellenza nella riabilitazione dei bambini affetti da patologie neurologiche complesse.
C'è stata la possibilità, quindi, nel concerto completamente gratuito, per giovani artisti di farsi conoscere dal grande pubblico, costituito in gran parte da coetanei, e per i big, invece, di vivere grandi emozioni nel concerto presentato da Eleonoire Casalegno, Aurora Ramazzotti e Gabriele Vagnato.
Sul palco, tra gli altri, Ariete, ventenne cantautrice romana dalla vena piacevolmente malinconica ma che, con piglio, ha scaldato una piazza già rovente di suo. Poi Myss Keta, ovvero «l'angelo dall’occhiale da sera e dal volto velato», rapper icona pop e che strizza l’occhio al mondo della moda. Nitro ha invece ha mostrato una maglietta: Keep abortion Safe and legal.
Dargen D’Amico si è rivelato tra rappresentanti più eclettici e poetici della scena cantautorale italiana; Ghali ha sfoggiato il suo repertorio di pezzi che mescolano arabo, francese, italiano ed inglese, tanto che ha ormai una dimensione internazionale come testimoniato anche dai recenti collaborazioni con esponenti di punta dello star system mondiale (Ed Sheeran su tutti).
A fare da anfitrione a Fedez e J-Ax Tananai, giovane cantautore, che ha conquistato il grande pubblico grazie alla partecipazione al Festival di Sanremo 2022 con «Sesso occasionale».
Infine i 'riappacificati" : Fedez e J-Ax. Il primo spesso in prima linea, con la moglie Chiara Ferragni, nel campo della solidarietà e che ha scelto fortemente Milano per la sua prima esibizione dopo la malattia e la guarigione. Nel capoluogo lombardo ha ricevuto l’Ambrogino d’Oro 2020 per l’impegno dimostrato durante la prima ondata di pandemia di Coronavirus in Italia ed è stato promotore di Scena Unita, il fondo a sostegno dei lavoratori dello spettacolo in difficoltà perl'emergenza sanitaria.
J-Ax ha una carriera trentennale (nel 2018 ha festeggiato i suoi 25 anni di carriera con dieci concerti al Fabrique a Milano e altrettanto live nei più importanti festival musicali), televisione e podcast. Il suo primo podcast «Non aprite quella podcast» , dieci episodi di storie true crime, gli hanno permesso di raggiungere la vetta della classifica di Spotify. In piazza Duomo hanno fatto da 'chioccià a coloro che stanno emergendo, per una buona causa. .

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI