Sei in Cultura

TELEVISIONE

Rai Storia: La Roma di Raffaello In prima tv - video

04 aprile 2020, 10:06

Rai Storia: La Roma di Raffaello  In prima tv  - video

La vita di Raffaello nel suo periodo “romano”, dal 1509 al 1520, anno della sua morte. Lo racconta il doc di Davide Savelli e Massimiliano Griner, con la regia di Graziano Conversano, “La Roma di Raffaello”, in prima visione tv lunedì 6 aprile alle 21.10 su Rai Storia, per un omaggio a cinquecento anni dalla morte.

Proprio come Raffaello, il documentario “entra” a Roma da Porta del Popolo per poi far rivivere la sua meraviglia davanti alla visione delle rovine dell’antica Roma, l’entusiasmo per i primi incarichi assegnatigli da Papa Giulio II e la soddisfazione per la carriera in perenne ascesa. Un’occasione – anche con l’aiuto di storici dell’arte, come Alessandro Zuccari; teorici estetici, come Rodolfo Papa; e storici dell’età moderna, come Anna Maria Visceglia - per descrivere anche la città di Roma all’inizio del XVI secolo, il fermento urbanistico dell’epoca, le ambizioni rinnovatrici dei pontefici, le lotte tra le famiglie aristocratiche e l’emergere della nuova figura dei banchieri. E, come ultimo omaggio, il documentario si chiude davanti alla tomba di Raffaello e all’epitaffio che per lui scrisse, in latino, l’amico Pietro Bembo, riassumendone il genio: “la Natura stessa, finché fu in vita, ebbe timore di esser vinta, e una volta morto, temette di morire anch’essa”.