Sei in Moda

moda

Modelle taglia 34 in passerella, petizione web per lanciare l'allarme

01 marzo 2020, 15:39

Modelle taglia 34 in passerella, petizione web per lanciare l'allarme

La modella esce sulla passerella della fashion week di Milano Donna. Ha un corsetto di pelle nera stringato a coprire seni minuscoli. Le braccia sono scheletriche. Due lacrime nere sono dipinte con il make up sotto gli occhi del viso della ragazza. Le sue misure sono: 81- 63 -79. La taglia 34. E non è l’unica super magra della sfilata di Gucci. Il tema dell’utilizzo di modelli e modelle sottopeso torna d’attualità: Elisa D’Ospina, modella curvy che si batte da anni contro i disturbi alimentari di cui anche lei ha sofferto in passato ha lanciato l’allarme con una petizione su Change.org che ha già raccolto in poche ore oltre 17 mila firme. 
«Hai presente una taglia 34? E’ inammissibile - scrive D’Ospina - proporre un modello con queste misure. Ritengo opportuno che venga firmata una carta in cui tutte le case di moda si impegnano a non utilizzare mai più persone in evidente sottopeso. Chiedo inoltre la presenza di personale competente, che si occupa di disturbi alimentari, al fine di valutare l'idoneità dei casi sospetti». 
La Camera della Moda Italiana e il Comune di Milano avevano approvato nel lontano 2006, un codice anti-anoressia in cui era previsto che, per sfilare,le ragazze dovevano avere un giusto rapporto tra peso e altezza. Il tema non è solo milanese «Purtroppo in queste ore anche a Parigi abbiamo visto tantissime ragazze sottopeso in passerella», scrive la D’Ospina in un aggiornamento sulla piattaforma delle petizioni ringraziando per il sostegno. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA