Sei in Musica

IL DISCO DELLA SETTIMANA

I King Crimson sulla scia di Poseidone

03 aprile 2020, 14:56

di MICHELE CEPARANO

Arrivato l'anno dopo, è proprio il caso di usare questo termine, sulla scia del loro capolavoro e pietra miliare del rock progressivo - “In the court of the Crimson King” - “In the wake of Poseidon” dei King Crimson si prepara a spegnere cinquanta candeline. Uscito infatti nel '70, anno che vedrà il gruppo britannico pubblicare anche “Lizard”, di cui più avanti “Il disco” si occuperà, deve fare i conti con l'abbandono della band da parte di Greg Lake, Mike Giles e Ian McDonald (i primi due contribuiranno comunque all'incisione dell'album).

I King Crimson sono ora i soli Robert Fripp e Pete Sinfield e tocca a loro regalare al rock questa perla. Intrigante il titolo, tradotto, nella scia del dio greco Poseidone, Nettuno per i latini, dio del mare che richiama quella mitologia tanto cara al prog e che echeggerà in maniera sublime anche nei più importanti lavori, per citare solo un altro gruppo, dei Genesis. Suggestiva e misteriosa la copertina, sugli archetipi dell'umanità  di Tammo De Jongh. Insomma, com'è consuetudine quando si ascolta un lavoro dei King Crimson, si può cogliere la grande l'opportunità, grazie ai testi e alle musiche, di navigare tra magiche suggestioni, atmosfere incantate (tra cui “Peace-A beginning”, motivo conduttore e circolare,  bucolico e pacifista che tornerà nel corso del lavoro fino al finale di “Peace-An end”) e bruschi ritorni alla realtà come in “Pictures of a city”, che fu ispirata dal traffico di New York.

Nel viaggio, sulla scia  della divinità marina, c'è, però,  tanto altro. Dalla malinconica “Cadence and cascade”, alla maestosa e sinfonica “In the wake of Poseidon”  fino alla corrosiva  “Cat food”, tra il blues e il jazz,  che uscì anche come singolo. Ma  vanno assaporate anche  “The devil's triangle”, chiara allusione al famigerato triangolo delle Bermude e “”Merday morn”, ispirata da “ I pianeti” di Gustav Holst, suite per grande orchestra di inizio Novecento.