Sei in Musica

IL DISCO

“Una giornata uggiosa” lunga quarant'anni

20 novembre 2020, 17:04

“Una giornata uggiosa” lunga quarant'anni

di Michele Ceparano

"Una giornata uggiosa" ha compiuto quarant'anni. L'album uscito nel 1980 è storico per un motivo. Infatti è l'ultimo del leggendario connubio tra Lucio Battisti e Mogol. Il grande musicista reatino morto il 9 settembre del '98 due anni dopo firmerà "E già" con Velezia, pseudonimo della moglie Grazie Letizia Veronese e dal 1986, con cadenza biennale, comincerà il rapporto con il paroliere Pasquale Panella. Un incontro fatto di musica sperimentale e testi arditi. Un'operazione che non piacerà a tutti, ma comunque interessante.

Registrato a Londra come il precedente, e ancor più acclamato,  "Una donna per amico", è prodotto   da Geoff Westley. Il duo Battisti-Mogol si misura  con nuove sonorità, a partire da quella musica elettronica   che è una costante dei cinque album scritti dal cantautore laziale con Panella. Da qualcuno bollato come un "non capolavoro" è, comunque, un bel disco che quarant'anni dopo non ha perso quasi nulla del proprio smalto. Grazie sicuramente a brani come "Con il nastro rosa", ultimo in scaletta, il cui testo ("chissà che sarà di noi, lo scopriremo solo vivendo") è entrato addirittura nel quotidiano. Questo a riprova che non esiste un lavoro "meno importante" di Battisti e Mogol. Questa canzone fu anche scelta per il singolo, insieme alla title track, "Una giornata uggiosa". Un altro pezzo che, preceduto dal suono delle intemperie, è capace di regalare immagini originali, dalla "Nuovissima Zelanda" alla "Brianza velenosa".

Queste due canzoni che chiudono l'album - e la collaborazione tra Battisti e Mogol - costituiscono sicuramente i momenti più alti del lavoro del febbraio del 1980. Da non sottovalutare però è  "Arrivederci a questa sera", con il contributo al sassofono di Mel Collins dei King Crimson, "Una vita viva", sul rapporto genitori-figli, "Amore mio di provincia", sull'eterna ricerca di rapporti di più semplici e genuini, un tema che spesso compare nel produzione del musicista e del paroliere. Ma anche "Il monolocale", ennesimo racconto in parole e musica di quella vita quotidiana che ebbe nel duo celebre alcuni tra i più sensibili narratori.

Da youtube Una giornata uggiosa

" frameborder="0" allowfullscreen >