Sei in Teatro

TEATRO SUL WEB

«Piccoli omicidi»: alle 21 serata da brividi (on line) alla Rocca Sanvitale

Lo spettacolo di successo con Adriano Engelbrecht, Carlo Ferrari, Sandra Soncini e Franca Tragni da vedere gratuitamente alle 21 grazie al Comune di Sala Baganza: https://www.facebook.com/comunesalabaganza e https://www.youtube.com/user/salasocial.

di Claudia Olimpia Rossi -

13 dicembre 2020, 16:05

«Piccoli omicidi»:   alle 21  serata da brividi  (on line) alla Rocca Sanvitale

Il Castello Sanvitale di Sala Baganza è teatro perfetto per «Piccoli omicidi in Rocca»: lo spettacolo, tratto dal testo «Delitti esemplari» di Max Aub, con Adriano Engelbrecht, Carlo Ferrari, Sandra Soncini e Franca Tragni, con la regia dello stesso Ferrari e la musica di Patrizia Mattioli, andrà “in scena” online stasera alle ore 21 nell’ambito del «Piccolofestivaldellinverno», organizzato dal Comune di Sala Baganza.

Un’occasione imperdibile per assistere alla produzione cult di «Progetti & Teatro», rivisitata nel dare vita ad un video ad hoc (girato da Marco Nola e Gianmaria Pacchiani; Valeria Ferrari production coordinator). 
Lo spettacolo è un susseguirsi di confessioni intime, proiettate in un percorso itinerante, di uomini e donne che per futili motivi sono stati spinti all’azione ultima: uccidere. Verità visionarie e provocatorie che attingono alla quotidiana insofferenza verso l’altro, ad una serpeggiante frustrazione nelle relazioni che la penna pungente di Max Aub inerpica lungo i pendii dell’umorismo e di una sottile, raffinata ironia.

«L’azione scenica spazia tra le stanze, di straordinaria bellezza, della Rocca di Sala Baganza» racconta Franca Tragni, confessando la nostalgia per il grande assente, il pubblico, cui lo spettacolo è dedicato, e la commozione provata nel «recitare di nuovo insieme, dopo tanti mesi». «Grazie al Comune di Sala Baganza - spiega Ferrari - che ha tradotto in versione virtuale il Festival già pronto in presenza, possiamo offrire comunque la visione del nostro spettacolo, adattato alle nuove esigenze, con ritmi più dinamici rispetto ai tempi teatrali. Le sale della Rocca regalano grande suggestione». Come ricordano i protagonisti, allo spettacolo si deve il primo atto del sodalizio del quartetto artistico, cresciuto in sintonia ed intesa anche grazie ai tanti progetti portati avanti insieme, come la produzione «Le tre balie - un’intervista esclusiva, burlata teatrale», libera divagazione tra i testi di William Shakespeare a partire da «Romeo e Giulietta».

«Delitti esemplari» permette di conoscere la creatività sorprendente di Max Aub, protagonista del mondo letterario spagnolo del ‘900, esule in Messico, che in questo testo esplicita il fastidio, la noia, lo sbuffare tra sé. Magari perché il malcapitato gira insistentemente il cucchiaino nel caffè, parla troppo forte, commette una sbadataggine, pecca di eccessiva solerzia. Il furtivo pensiero omicida si fa realtà per gli spettatori. Un’insofferenza che l’attuale momento di distanziamento sociale mette in una luce nuova? «Io non credo - sostiene Engelbrecht - che le frustrazioni di cui parla Aub abbiano attinenza con il periodo che stiamo vivendo. Piuttosto mi pare che l’ironia grottesca di Aub induca ad un distacco dal peso che ci circonda». «Forse mai come in questo momento - per Sandra Soncini - le relazioni, anche se rarefatte, sono state così intense e profonde. Soprattutto per noi artisti, che viviamo questo tempo sospeso con particolare incertezza». 

Un tasto dolente che dipana pensieri. «L’emergenza - la segue Englebrecht - ha reso evidente che siamo in un Paese che non riconosce i lavoratori della cultura. Manca completamente un pensiero sull’arte». «La situazione - conferma Ferrari - è buia per il nostro lavoro, che già ha poco a che fare con la continuità. Comunque andiamo avanti, anche senza date certe: abbiamo bisogno di essere pronti per quando si ripartirà». 
Franca Tragni: «Abbiamo nostalgia del palcoscenico, sentiamo la mancanza di quello che ci piace fare». In attesa di tornare in sala, domani sera alle ore 21 Adriano Engelbrecht, Carlo Ferrari, Sandra Soncini e Franca Tragni attendono spettatori numerosi davanti agli schermi.
Per la visione, basta collegarsi agli indirizzi: https://www.facebook.com/comunesalabaganza e https://www.youtube.com/user/salasocial.