Sei in Viaggi

Svezia, i colori dell'autunno e i sapori del mare

Un viaggio alla scoperta di Göteborg Tra foliage e scorpacciate di astici

di Luca Pelagatti -

15 settembre 2019, 12:26

Svezia,  i colori  dell'autunno e i  sapori  del mare

L'inverno e il freddo sono ancora lontani ma si può cominciare a godere lo spettacolo del foliage. In più, in questo periodo, si sommano eventi culturali e appuntamenti dedicati ai gourmet. Insomma, la fine d'estate è il momento perfetto per partire per la Svezia e andare a scoprire Göteborg che in questa stagione offre caldi e brillanti colori autunnali, piacevolissime escursioni, succulenti astici appena pescati, esperienze artistiche emozionanti e molto altro. 

Alla fine di settembre le foglie cambiano colore e l'aria diventa amabilmente frizzantina e i villaggi dei pescatori del Bohuslän, sulla costa occidentale, che durante l'estate sono pieni di turisti,  riprendono un ritmo di vita più calmo mentre i buongustai si preparano: il 23 settembre è la data fissata per l'inizio della pesca dell'astice e gli amanti dei crostacei accorrono a Göteborg e sulla costa per gustare frutti di mare freschissimi. 
 Il tutto in una città, la seconda del paese per dimensioni, fondata nel 1621 dal re Gustavo II Adolfo per garantire l'accesso all'Atlantico ma che ben presto, anche grazie alle influenze dei mercanti olandesi, assunse un suo stile e una anima particolare tanto che oggi esiste una bonaria rivalità tra gli abitanti di qui, estremamente orgogliosi della propria, città e quelli di Stoccolma che si trova a oltre 450 km di distanza a nord-est. 

Campanilismi a parte  è veramente una bella città affacciata  sul mare, con ampi spazi verdi e  un'architettura raffinata. E una passeggiata lungo la strada principale, Kungsportavenyn, conosciuta semplicemente come Avenyn, basta per capire che è anche tutt'altro che noiosa o sonnolenta anche grazie alla numerosa popolazione studentesca. Da non perdere poi una visita al nucleo più antico e caratteristico di Göteborg,  il quartiere Haga, che risale al settecento. Ex quartiere di abitazioni di legno cadute in rovina, oggi è una zona molto cool con stradine acciottolate piene di negozi con articoli vintage e di seconda mano e dove è piacevole mescolarsi alla gente del posto. Questo il volto urbano: ma quello che sta intorno non è da meno. Basta  infatti uscire dal centro, per tuffarsi nella sterminata tavolozza di colori che caratterizzano i boschi tutt'intorno alla città e i grandi parchi. 

In particolare gli abitanti di Göteborg adorano lo Slottsskogen, una vasta area naturale e per la maggior parte ricoperta da foresta naturale, con alberi di tigli, faggi, aceri e vari tipi di quercia. Dopo una lunga passeggiata è bello rifugiarsi nel calore di uno degli accoglienti caffè del parco e godersi una tradizionale «fika», la pausa caffè svedese con diversi tipi di caffè o tè ed un dolcetto.

Gli amanti delle escursioni nella natura selvaggia invece possono puntare verso  il nuovo sentiero Götaleden, aperto questa estate, che va da Göteborg alla cittadina di Alingsås. Il percorso sarebbe composto da 9 tappe per un totale di 71 km e la prima tappa inizia nel centro di Göteborg per raggiunge dopo soli quattro chilometri  la riserva naturale di Delsjön. Ma non occorre essere atleti per goderlo: ci sono buoni collegamenti ferroviari lungo il percorso in modo da poter tornare in treno a Göteborg anche solo dopo un assaggio del sentiero. In più, oltre la natura,  ci sono anche molte altre attrazioni lungo il sentiero come i giardini di Jonsered, il castello Nääs  e Nääs Fabriker sulle rive del lago di Sävelången, un sito industriale d’epoca ristrutturato.

Ma dopo le passeggiate viene fame: e in questo senso Göteborg sa coccolare chi la visita.  Infatti questo è il periodo ideale per gustare i frutti di mare e i crostacei della regione - astici, gamberi, ostriche, cozze e gamberetti  - considerati tra i più saporiti al mondo grazie alle acque fredde e ricche di minerali che  danno un sapore particolare.
Come detto la settimana prossima si  apre la pesca all'astice e i moli si affollano di barche dei pescatori professionisti e dei locali che escono per deporre le gabbie in mare. Per i piu appassionati vengono organizzati anche dei veri e propri safari dedicati all'astice durante i quali i partecipanti danno una mano al pescatore  a tirare su le nasse colme di astici o gamberi dalle profondità e raccogliere le ostriche e cozze dalle tavole di coltura, prima di tornare a riva. La sera, poi, ovviamente, si passa all'assaggio di queste prelibatezze nei piccoli ristoranti di alcuni dei paesini più pittoreschi lungo la costa. 

TANTA CULTURA E MUSEI DA SCOPRIRE
  Per gli amanti dell’arte Göteborg ha tanto da offrire.  Dai giorni scorsi e fino  al 17 novembre  si svolge la decima edizione della Biennale Internazionale di Arte Contemporanea di Göteborg,  una delle maggiori biennali d’arte del Nord. Più di 30 artisti svedesi ed internazionali partecipano alla biennale, il cui titolo è Part of the Labyrinth.  Le mostre e le attività avranno luogo principalmente nella galleria Röda Sten Konsthall (allestita in una vecchia caldaia industriale del 1940), nella Göteborgs Konsthall e nel Museo di Storia naturale.
Uno dei musei più importanti della città è il Museo d’Arte di Göteborg che ha una delle più significative collezioni di arte nordica di fine secolo. Konstepidemin è sede degli studi di oltre 130 artisti e di 3 gallerie. Järnhallen Ringön’s art centre è una vetrina artistica per opere contemporanee dislocata in un distretto industriale poco conosciuto. 
Inoltre dal 7 al 13 ottobre avrà luogo il Festival del design di Göteborg presso HKD, the Academy of Design and Crafts, che organizza esibizioni, workshop, seminari ed altro.
Poco a nord di Göteborg, a Skärhamn sull’isola di Tjörn, si trova il piccolo ma rinomato Museo Nordico dell’Acquerello che, in una splendida cornice marinaresca, presenta artisti svedesi ma anche mostre di livello internazionale. Più verso l’interno si trova lo scenografico parco delle sculture di Pilane immerso nella campagna svedese con vista sul mare, ritenuto nominato tra i 10 migliori parchi di scultura d'Europa.