Sei in Viaggi

VIAGGI

Tutti pazzi per la Spagna. E viviamo la vida tapa

Nate come assaggi per accompagnare vino e  birra sono diventate un simbolo. Ecco le migliori da  Madrid a  Valencia 

 

di Luca Pelagatti -

22 febbraio 2020, 11:39

Tutti pazzi per la Spagna. E viviamo la vida tapa

La Spagna è di moda. E non da oggi. Ma il paese non piace solo per le sue lunghe distese di spiagge, le città pittoresche, i tanti musei e il gusto di godersi la vita dei suoi abitanti. No, tra i motivi del successo della Spagna c'è certamente la sua cucina. Anzi, forse la parte più semplice della gastronomia iberica: le tapas. Piacciono perchè sono semplici, economiche, divertenti e conviviali. E da qualche tempo hanno anche lasciato le loro umili origini e in molti locali sono diventate gourmet. 
Ma quali sono le migliori tapas di Spagna? E quali le città dove andare a sperimentare il rito sempre appassionante del tapear, ovvero del passare da un locale all'altro? Ecco una breve e parziale guida. E buona tapas a tutti.

UNA SERATA A MADRID
Come è normale partiamo dalla capitale e per la precisione da uno dei quartieri che hanno mantenuto la vera tradizione delle tapas: il quartiere di La Latina che fu il primo nucleo della città medievale. Vie come Cava Baja, Cava Alta o Humilladeros ospitano alcune taverne storiche e, soprattutto nel fine settimana, pullulano di persone alla ricerca delle tapas migliori. Le più tipiche a Madrid sono le «patatas bravas», la tortilla di patate, le crocchette, le olive, i formaggi stagionati e le frattaglie.
Se a Madrid regna la tradizione a Barcellona, orgogliosamente Catalogna, si deve puntare invece verso una delle vie di tendenza, ovvero il Passeig de Sant Joan. 
Sebbene l’offerta gastronomica di tapas a Barcellona tipicamente si sia sempre concentrata più nel quartiere Poble Sec o, di recente, a Sant Antoni, attualmente è questo il luogo in cui degustare le novità e godersi un’esperienza a base di  stuzzichini. Ma quali sono le tapas più popolari? Da quelle più tradizionali (molto spesso rivisitate in chiave moderna) come l’insalata russa, «las bombas» (patate in pastella ripiene di carne) e i piccoli panini, fino all’alta cucina trasformatasi in tapa, in omaggio all’opera del cuoco Ferran Adrià. E allora l'indirizzo giusto è  il Tickets, il tapas bar stellato del fratello Albert Adrià che ha come motto, appunto, «La vida tapa». Ma attenzione: qui i prezzi sono tutt'altro che popolari. E per mangiare occorre prenotare per tempo.

I PAESI BASCHI
Si pensa che le tapas siano il simbolo della Spagna. Nei paesi Baschi, vi diranno che invece sono queste le vere terre di questo oggetto di culto gastronomico. Che però cambia nome e diventa «pintxos». A Bilbao, per esempio, per assaggiare i migliori occorre andare in centro e passare uno dopo l'altro i locali di strade come Somerda, del Perro o della Plaza Nueva, I sapori? I più diversi con pintxos a base di uova di merluzzo, cozze, funghi o baccalà. E gli indirizzi giusti sono Sorginzulo o Gure Toki nella Plaza Nueva, Santa María e Irrintzi in calle Santa María e Berton Sasibil in calle Jardines.

NON SOLO PAELLA
Da nord a sud, dai paesi Baschi alla comunità valenciana. A Valencia, famosa per la sua paella si mangiano, infatti,  anche ottime tapas. La zona giusta è il quartiere di Ruzafa che da tempo è una delle aree più trendy e affollate. I locali, in particolare, abbondano tra le vie Burriana, Ciscar e Cádiz dove vanno a ruba le tapas di mare come la seppia alla piastra, le acciughe marinate nell’aceto, le crocchette di baccalà, i molluschi come le telline e le «clochinas». In questa zona, se vorrete qualcosa di più elegante, si trovano anche vari ristoranti che propongono cucina d'autore.
Una meta forse poco nota in Spagna è Valladolid. Ed è un peccato perché la città che merita. E anche le sue tapas. La maggior parte dei locali si trova nei dintorni della Cattedrale, tra le piazze Portugalete, Universidad, San Martín e Martí y Monsó. L’importanza delle tapas nella città è tale che ogni mese di novembre ospita il «Concorso Nazionale di Tapas», nel corso del quale diversi cuochi con stella Michelin scelgono la miglior tapas della Spagna. Qui puoi provare alcune di quelle insignite di questo premio, come il «Lechazo Taj Mahal» (si mangia da Don Bacalao in  plaza de las Brigidas), il «Bocata de calamares envuelto en obulato» e il «Tigretostón» da Los Zagales in calle Pasión.
Concludiamo con una delle città più amate dai turisti: Siviglia. La città è un gioiello e le sue tapas la rappresentano: vigorose, intense, popolari. Tra quelle più famose ci sono le uova alla flamenca, la «carrillada» (a base di maiale iberico) e la «pringá» (da mangiare senza  posate). E per vivere appieno l'atmosfera non dimenticate di andaree nel quartiere di Triana, la  zona gitana. Non solo le tapas, da queste parti, hanno un sapore speciale.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA