Sei in Viaggi

VIAGGI

Castel del Monte: il magico e candido palazzo che nasconde i suoi segreti

Sull'altopiano delle Murge

29 maggio 2021, 10:34

Castel del Monte: il magico e candido palazzo che nasconde i suoi segreti

Lo chiamiamo castello. Ma della classica fortezza ha ben poco. Tanto che ancora oggi non sappiamo a cosa fosse destinato e perchè Federico II, nel 1240, lo volle in quel posto. E con quella forma. Il luogo non è infatti strategico, non ci sono fossati, le feritoie non permettono di lanciare le frecce e l'interno sarebbe scomodo da difendere. Ma in compenso si trovano molti numeri ricorrenti, in particolare l'8, che fanno pensare che dovesse essere una sorta di tempio dedicato allo studio delle scienze.  Con la forma di un candido fiore che spicca a 540 metri sull'altopiano delle Murge occidentali, a meno di 50 km da Bari. 

Abbiamo parlato dei numeri simbolici: la pianta è ottagonale, ci sono otto sale e otto torri e  si pensa che nel cortile interno fosse presente una vasca anch’essa ottagonale.
La posizione poi è studiata in modo tale da creare particolari effetti di luci e ombre in determinati periodi dell'anno, come nei giorni del solstizio e dell'equinozio mentre lo stile mescola influssi assai diversi come dimostra il portale d'ingresso che presenta un arco in stile arabo, un timpano greco-romano e bifore gotiche. Peccato che le devastazioni del tempo e dell'uomo (è stato nei secoli un carcere, un ricovero per lebbrosi  e persino un covo di banditi) l'abbiano privato delle decorazioni interne mentre rimangono solo le alte volte. Ma il fascino no, quello non lo ha perduto. E questo edificio Patrimonio dell'Umanità colpisce chi arriva già in distanza, svettando su un bosco. Una volta arrivati di fronte lascia stupiti e ammaliati. Ed è bello vagare tra le sale e percorrere le scale a chiocciola che portano al piano più alto chiedendosi quale fosse il sogno di Federico II. Alcuni dicono che il castello dovesse ricordare la Cupola della Roccia a Gerusalemme che Federico II aveva visto durante la crociata. Ma forse è solo un bianco sogno. Che dopo tanti secoli ancora ci colpisce. lu.pe.