Sei in Viaggi

VIAGGI

Le scalinate del mare in Costiera Amalfitana

di Luca Pelagatti -

17 luglio 2021, 08:58

Le scalinate del mare in Costiera Amalfitana

Voglia di estate e di mare. Ma senza affrontare lunghi voli in aereo, la lotteria dei tamponi e dei green pass. La scelta, quindi, cade sull'Italia dove, lo sappiamo bene, ci sono luoghi straordinari. Ecco allora delle spiagge gioiello: in uno dei panorami più belli al mondo. Stiamo parlando della costiera Amalfitana, quei 40 km di costa che vanno da Amalfi a Vietri, un patrimonio dell'Unesco ma soprattutto uno scenario straordinario dove si alternano falesie sul mare, hotel di lusso e macchia mediterranea, ville e giardini degradanti e, ovviamente, spiagge. Ma non pensiamo alle infinite distese di sabbia che si trovano, ad esempio, in Sardegna. 
No, qui si tratta per lo più di piccole insenature e baie appartate, rifugi spesso di ciottoli che si possono raggiungere con qualche fatica o in barca. Inutile dire che lo sforzo è ripagato dalla bellezza. 
Naturalmente non tutte le spiagge sono così difficile da conquistare: una delle più facili, e ampie, è come dice anche il nome Marina Grande a Positano. Non solo ampia: è anche glamour e affollata.  Si tratta di una mezzaluna di lunga 300 metri di sabbia mista a ciottoli affacciata sulle vicine isole Li Galli. C' è un tratto di spiaggia libera ma la gran parte è occupata da stabilimenti e soprattutto ci sono ristoranti e locali che si affollano alla sera. E se cercate movida e la possibilità di incontrare i soliti noti siete nel posto giusto.  Da cui partono le barche che conducono alle spiagge che si raggiungono solo via mare: e quelle sono decisamente più tranquille. 
Poco quieta è invece l'altra spiaggia «grande». Parliamo della spiaggia nel centro di Amalfi, un arenile di sabbia mista a piccoli ciottoli di circa 200 metri di  lunghezza.  Alle due estremità ci sono spazi liberi mentre al centro ecco le file di lettini colorati. Anche qui si respira una atmosfera mondana, con scelta di locali e ristoranti che fatalmente attirano molta gente. Camminando verso ovest lungo la riva, si arriva a una piccola spiaggia libera chiamata Porto, proprio vicino al promontorio che è amata dalle famiglie perché l'acqua è sempre calma e bassa mentre dopo altri dieci minuti di passeggiata si sbuca nel lido delle Sirene. Non c'è spiaggia libera ma l'atmosfera è più quieta rispetto a Marina Grande dove, dettaglio importante, partono le barche che vanno alla vicina Grotta dello Smeraldo.
Non lontana da Amalfi, è giusto ad un chilometro, si trova anche la spiaggia Il Duoglio che è protetta da 400 scalini lungo la scogliera per arrivare. Ma se siete pigri nessun problema: ci si arriva in barca da Amalfi e il trasferimento è gratuito se si prenota in uno dei due ristoranti dell'arenile. E oltre gli stabilimenti c'è anche la spiaggia libera. 
Un dettaglio importante: essendo ai piedi della scogliera in parecchie spiagge il sole tramonta presto: ecco perché molti scelgono la spiaggia di Arienzo che oltre che essere  una delle più suggestive di Positano è anche una di quelle  che più tardi finiscono all'ombra. Questo il dato positivo: quello negativo è che per arrivare occorre scendere 300 gradini in pietra che però, camminando, permettono di vedere  uno splendido panorama sulla costa e su alcune delle ville più belle della Costiera. Se l'idea di risalire la scala vi spaventa usate un sotterfugio: arrivate con il bus che parte da Marina Grande e rientrate con una barca. 
Se invece volete evitare le fatiche non vi resta che scegliere la spiaggia di Maiori. E' la più lunga della Costiera, è quasi un chilometro, ed è una delle pochissime di sabbia. In più non avendo la scogliera ci si può abbronzare fino a sera circondati dai  terrazzamenti di agrumi. Chioschi e locali sono allineati sul  lungomare e e ci sono zone attrezzate alternate ad altre di spiaggia libera. 
Infine, per concludere, uno dei luoghi più celebri e fotografati: Furore. Qui la spiaggia è in fondo ad un fiordo e la piccola spiaggia di soli 25 metri si raggiunge con una scala scavata nella roccia da cui, ogni anno, si lanciano gli atleti del  campionato mondiale di tuffi dalle grandi altezze. Loro si gettano da 28 metri. Voi restate invece fermi al sole. In mezzo a tanta bellezza muoversi è quasi un peccato. 

Info  - Il viaggio
Come arrivare
La Costiera Amalfitana si trova in Campania, a sud di Napoli. I principali punti di collegamento vicini alla Costiera  sono Napoli, Sorrento e Salerno. I mezzi pubblici che arrivano in Costiera sono gli autobus Sita e, in estate, i traghetti e gli aliscafi. Positano è il primo paese che si incontra provenendo da nord. Proseguendo lungo le curve della Statale 163  man mano si raggiungono Praiano, Amalfi, Minori, Maiori, Cetara e Vietri sul Mare. L'unica stazione ferroviaria si trova a Vietri sul Mare ed è collegata con Napoli e Salerno. 

I paesi
Amalfi
Tra i luoghi più famosi c'è Amalfi, la cittadina fondata nel IV secolo a.C. che dà il nome alla Costiera. Antica Repubblica Marinara, Amalfi detenne per lungo tempo il monopolio del commercio nel Mar Tirreno, esportando legno, armi, vino e frutta nei mercati orientali e acquistando in cambio spezie, profumi, perle, gioielli, tessuti e tappeti da commerciare in occidente. La disposizione delle abitazioni è di influenza orientale e ricorda i suk, con gruppi di case ravvicinate e abbarbicate sulle pendici scoscese, collegate da un labirinto di vicoli e scale. 


L' Arcimboldo
Positano è stato luogo di villeggiatura fin dall’epoca dell’impero romano, con le sue bianche case degradanti verso il mare, raccolte attorno alla chiesa di Santa Maria Assunta,  dalla cupola maiolicata. Tipici i suoi piccoli corsi ricchi botteghe e le tantissime scalinate che dall'alto del paese giungono in basso, alla spiaggia. Tra le spiagge principali ricordiamo la Spiaggia Grande e quella di Fornillo, entrambe raggiungibili a piedi; La Porta, Arienzo e San Pietro Laurito, tutte accessibili principalmente via mare.