Sei in Sport

SERIE A

Atalanta, sette gol al Toro. Il Bologna vince a Ferrara, reti inviolate tra Fiorentina e Genoa

24 gennaio 2020, 22:29

Atalanta, sette gol al Toro.  Il Bologna vince a Ferrara, reti inviolate tra Fiorentina e Genoa

L'Atalanta, umilia il  Torino (0-7)

L'Atalanta "distrugge" 7-0 il Torino all'Olimpico. Nel primo tempo in gol Ilicic, Gosens e Zapata su rigore. Nella ripresa altri due gol di Ilicic, e poi doppietta di Muriel Toro che finisce in nove per le espulsioni di Izzo e di Lukic all'ultimo minuto.

Reti inviolate tra Fiorentina e Genoa (0-0)
Al termine di una sfida comunque intensa e combattuta si sono visti zero gol in Fiorentina-Genoa. E’ finita infatti 0-0 la gara fra i gigliati e il grifone valida per la ventunesima giornata della serie A. Al "Franchi", i viola hanno mancato la terza vittoria consecutiva in campionato ma hanno cercato a più riprese i tre punti; mentre i liguri hanno provato ad approfittare dei passi falsi di Brescia e Spal (in chiave salvezza) giocando a viso aperto e sfiorando il "colpo grosso". I rossoblù, infatti, hanno agganciato le rondinelle e il team di Ferrara, a quota 15, ma hanno cercato addirittura il "sorpasso", mancato soltanto per il primo errore dal dischetto della carriera di capitan Criscito e per l’ottima vena del portiere dei toscani. 

Il Bologna vince a Ferrara 3-1 con la Spal

Il derby emiliano si tinge di rossoblù. Un Bologna spettacolare e grintoso batte la Spal per 3-1 in rimonta sotto i riflettori del Paolo Mazza. Con Sinisa Mihajlovic inizialmente nello skybox, in via precauzionale a causa del maltempo di Ferrara, i rossoblù soffrono nella parte iniziale della gara per poi travolgere gli avversari nel secondo tempo. A decidere il match con il gol vittoria è Musa Barrow, arrivato a gennaio dall’Atalanta e pescato dalla panchina proprio da Miha dopo 13 minuti dal via del secondo tempo. Fuochi d’artificio in un primo tempo tanto divertente e ricco di occasioni. Dopo appena 57 secondi, al primo calcio da fermo, il Bologna spaventa la Spal con un cross di Orsolini sul quale Santander si avvita ma la colpisce male di testa. La risposta dei padroni di casa arriva all’8' con un gran tiro di Missiroli dalla distanza sul quale è decisiva la deviazione di Paz (non vista dall’arbitro). Fabbri non vede nemmeno un evidente contatto tra lo stesso Paz e Di Francesco in area di rigore del Bologna al 20': interviene il Var, l’arbitro viene richiamato a bordocampo e dopo circa un minuto concede il rigore. 
Dal dischetto si presenta Petagna che spiazza Skorupski e regala il vantaggio ai suoi. Ma la gioia dei ferraresi non dura nemmeno un minuto perchè i rossoblù colpiscono nell’azione successiva con un tiro-cross di Soriano deviato sfortunatamente in rete da Vicari (autogol). E quattro minuti più tardi Fabbri concede un altro rigore, questa volta a favore del Bologna, salvo poi correggersi al Var per una completa svista su un contatto inesistente tra Santander e Berisha. Nel secondo tempo Mihajlovic mischia le carte e inserisce Barrow al posto di Santander, una scelta che si rivela immediatamente vincente. Dopo pochi secondi dal suo ingresso in campo il gambiano porta avanti il Bologna: al 59' dà il via alla ripartenza, serve Palacio e sul cross dell’argentino, deviato dalla difesa, scaraventa un gran destro all’incrocio dei pali. Il Bologna si esalta e al 63' si porta sul 3-1 grazie a un’altra bella azione manovrata con uno scambio rapido tra Palacio e Soriano per poi trovare sul secondo palo il preciso Inserimento di Poli. 
La Spal non demorde e nel finale di gara aggredisce gli avversari senza però riuscire a incidere. A Ferrara termina 3-1 per il Bologna: settima vittoria stagionale e quinto risultato utile nelle ultime sei di campionato. E mentre i ragazzi di Miha volano al nono posto al pari del Torino, la Spal rimane sofferente in zona retrocessione.

Il Milan vince a Brescia

Un Milan compatto e cinico vince anche a Brescia nell’anticipo della seconda giornata di ritorno e porta a tre la striscia di vittorie consecutive. I rossoneri risolvono un match molto complicato in casa delle rondinelle con l’uomo del momento, vale a dire Ante Rebic, che dopo aver deciso la sfida contro l’Udinese si ripete appena cinque giorni dopo con una deviazione sporca sotto misura che determina lo 0-1 finale del Rigamonti. La squadra di Pioli si porta momentaneamente al sesto posto a quota 31, resta critica la situazione dei ragazzi di Corini, penultimi con 15 punti. Avvio equilibrato, poco dopo la mezzora di gioco Torregrossa e Ayè vanno vicinissimi al vantaggio con due colpi di testa, il primo è impreciso e il secondo trova attento Donnarumma. Al 40' Ibrahimovic si divora il più facile dei gol: cross di Theo Hernandez per lo svedese che da due passi incredibilmente calcia a lato. Il Milan trema in avvio di ripresa: un’azione confusa delle rondinelle che si conclude con la deviazione vincente di Torregrossa sul tiro di Tonali, il gol viene però annullato per posizione di netto fuorigioco. 



 

LA CLASSIFICA
Juventus 51
Inter 47
Lazio 45
Roma 38
Atalanta 38
Milan 31
Cagliari 30
Parma 28
Torino 27
Bologna 27
Verona 26 
Fiorentina 25
Napoli 24 
Udinese 24 
Sassuolo 22
Sampdoria 19
Lecce 16 
Spal 15 
Brescia 15
Genoa 15 


I RISULTATI
Brescia-Milan 0-1
Spal-Bologna 1-3
Fiorentina-Genoa 0-0
Torino-Atalanta (ore 20.45)
Domani
Inter-Cagliari (ore 12.30)
Parma-Udinese
Sampdoria-Sassuolo
Verona-Lecce
Roma-Lazio (ore 18)
Napoli-Juventus (ore 20.45) 

© RIPRODUZIONE RISERVATA