Sei in Sport

calcio

Champions e Europa League rinviate

13 marzo 2020, 15:41

Champions e Europa League rinviate

Dopo il rinvio delle partite di Real Madrid e Juventus la Uefa ha ufficializzato lo stop a tutte le partite di Champions ed Europa League valide per gli ottavi di finale previste la prossima settimana. La decisione, sottolinea la Bbc, è stata presa dopo una riunione in conference call con i rappresentanti delle 55 federzioni e delle leghe nazionali. la riunione è stata aggiornata a martedì prossimo per valutare ulteriori provvedimenti . Alla luce degli sviluppi legati alla diffusione del virus COVID-19 in Europa e alle decisioni dei vari governi, tutte le partite delle competizioni UEFA per club in programma la prossima settimana sono rinviate - ha reso noto la federazione europea sul proprio sito e con un tweet sui social - Tra queste, le rimanenti partite di ritorno degli ottavi di Champions League del 17 e 18 marzo, tutte le partite di ritorno degli ottavi di Europa League del 19 marzo e tutte le partite dei quarti di Youth League del 17 e 18 marzo 2020. 
Ulteriori decisioni sulle date di recupero delle suddette partite verranno comunicate a tempo debito. 
A causa dei rinvii, è rinviato anche il sorteggio dei quarti di 
Champions e Europa League del 20 marzo. 
La UEFA ha invitato i rappresentanti delle 55 federazioni affiliate, i consigli della European Club Association e delle leghe europee e un rappresentante di FIFPro a un meeting in videoconferenza per martedì 17 marzo, per parlare delle modalità di risposta del calcio europeo alla pandemia.

Si ferma anche la Bundesliga

 Anche il campionato della Germania si ferma con effetto immediato a causa della pandemia di coronavirus. Lo ha reso noto la Lega calcio tedesca.

Si ferma il calcio inglese: salta Inghilterra-Italia

La Football Association ha annunciato, a causa dell'emergenza coronavirus, lo stop di tutte le partite di calcio inglese fino al prossimo 3 aprile, comprese quelle della Nazionale di Southgate. Di conseguenza, almeno fino al 3 aprile e con eventuale rinvio a data da destinarsi, non si disputera' neanche l'amichevole Inghilterra-Italia, in programma al Wembley Stadium di Londra venerdi' 27 marzo, ne' quella in programma quattro giorni dopo contro la Danimarca. Una decisione che arriva dopo le positivita' al COVID-19 di Mikel Arteta (tecnico dell'Arsenal) e Callum Hudson-Odoi (giocatore del Chelsea) che ha portato tante squadre (compreso l'Everton di Ancelotti) a sospendere le attivita'. Si ferma ovviamente anche la Premier League, i campionati delle serie inferiori e il calcio femminile. "Per prima cosa ci auguriamo che Mikel Arteta e Callum Hudson-Odoi si riprendano rapidamente cosi' come tutti gli altri soggetti alle prese con il COVID-19 - le parole dell'amministratore delegato della Premier League, Richard Masters -. In questa situazione senza precedenti, stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri club, il governo, la Football Association e le altre leghe, per garantire la salute di giocatori, staff e tifosi. Nonostante le sfide che abbiamo davanti, l'obiettivo della Premier League e' recuperare le partite rinviate quando ci saranno le condizioni per giocare in sicurezza".

© RIPRODUZIONE RISERVATA