Sei in Sport

Serie A

La rincorsa salvezza. Parma, il tuo campionato inizia oggi: devi vincere

di Sandro Piovani -

07 febbraio 2021, 10:14

La rincorsa salvezza. Parma, il tuo campionato inizia oggi: devi vincere

 

Non si può dar torto a Roberto D'Aversa: stasera contro il Bologna (stadio Tardini, ore 18) sarà anche un derby, ma fondamentali sono i tre punti. Perché se non è gara decisiva per il futuro del Parma poco ci manca. Forse più corretto dire che fondamentale sarà il mese di febbraio, quando i crociati, dopo il Bologna, dovranno affrontare in stecca Verona, Udinese e Spezia. Meglio non pensarci e meglio non far tabelle: giusto piuttosto pensare una partita alla volta, partendo da quella di oggi. E non sembra fuori luogo affermare che il  campionato del Parma inizia proprio contro il Bologna.

LA RIPARTENZA
Perché? Prima di tutto perché è terminato il mercato di gennaio: questione Brunetta a parte (avrebbe espresso la volontà di tornare in  patria per giocare con continuità), il gruppo è questo. Non più «vecchi e nuovi» ma semplicemente il Parma. Che ormai può essere considerato anche il Parma di D'Aversa e il suo staff. Impegnato a preparare adeguatamente ogni gara (come peraltro ben sappiamo) e soprattutto si spera aver apportato quei correttivi che sembravano indispensabili: ci riferiamo innanzitutto alla condizione fisica ma anche a quella mentale. Insomma la speranza e l'auspicio sono che il Parma ritrovi corsa e determinazione, come ci aveva abituato spesso nei campionati scorsi.

VITTORIA NECESSARIA
E per dare un senso logico a tutti questi ragionamenti, ecco lo scenario per stasera deve essere uno soltanto: i tre punti. Se effettivamente dovrà essere ripartenza, ecco che la vittoria sembra l'unico risultato possibile. Gli ottimisti probabilmente diranno che non è così, che la zona salvezza resta lì a un passo. Ma ieri il pareggio (rocambolesco) del Torino e la vittoria dello Spezia sono lì a dimostrare come il girone di ritorno sarà terribilmente difficile. Un girone dove nessun club, dal Milan al Crotone, potrà permettersi passi falsi o perlomeno dove nessuna squadra scenderà in campo a cuor leggero. E il Parma per ritrovare la sua personalità ha bisogno solo e soltanto di una vittoria.

GOL FATTI E SUBITI
Per prima cosa dovranno cambiare due statistiche fondamentali, quella dei gol fatti e subiti. Il Parma sino ad ora ha segnato 14 gol (l'ultimo al Tardini è di Kucka, il 2-2 contro lo Spezia il 25 ottobre scorso ndr) ultimo in questa particolare classifica mentre ha subito 38 reti come il Cagliari (peggio hanno fatto solo Crotone con 46  e Benevento con 40). Non è escluso dunque che oggi D'Aversa punti sull'esperienza del nuovo arrivato Bani, da affiancare ad Osorio. Sarà invece interessante capire come verrà sistemata la difesa: a tre o a quattro? Perché a tre? Semplicemente per non rinunciare all'esperienza di Alves. Anche per D'Aversa scelte non scontate. Idem per l'attacco, dove di fatto l'unico centravanti disponibile resta Cornelius (con Pellé fuori condizione, Zirkzee appena arrivato e Inglese ancora assente). Al suo fianco, oltre a Gervinho, potrebbe giocare dal primo minuto Man, primo investimento del mercato di gennaio. Chiunque giochi comunque c'è da vincere il derby. Pensando al futuro: è tempo di ripartire.