Sei in Sport

il caso

Alex Schwazer assolto : «Non fu doping, nel 2016 il marciatore è stato incastrato»

18 febbraio 2021, 17:57

Alex Schwazer assolto : «Non fu doping, nel 2016 il marciatore è stato incastrato»

«Archivazione per non aver commesso il fatto». Così il Tribunale di Bolzano pone fine al processo di primo grado per doping ad Alex Schwazer. Il giudice ha accolto la richiesta del pm contestandone la tesi di «opacità" da parte di Iaaf e Wada nelle analisi che portarano alla positività e alla squalifica del marciatore, e rilancia dure accuse contro le due associazioni. Il giudice ritiene «accertato con altro grado di credibilità» che i campioni di urina nel 2016 furono alterati per far risultare l’atleta positivo.

 La decisione del Gip fa seguito alla richiesta della procura, dello scorso 3 dicembre, di archiviazione del procedimento penale per Alex Schwazer. L'inchiesta si riferiva al presunto caso di doping di Alex, risalente al 2016, e non al primo caso, del 2012 (quello ammesso dallo stesso marciatore). Tutto era nato da un controllo del primo gennaio 2016, in seguito al quale il tribunale di arbitrato sportivo aveva condannato il marciatore a una squalifica di 8 anni, che sta ancora scontando. L’atleta ha sempre contestato la validità di questo secondo caso di presunta positività, puntando il dito sugli anomali valori, altissimi, del Dna contenuto nella provetta, dichiarandosi vittima di un complotto.

«Falso ideologico, frode processuale e diffamazione": sono questi i reati che il gip del Tribunale di Bolzano, Walter Pelino, ipotizza nei confronti di chi avrebbe manipolato le provette di Alex Schwazer, nella sentenza sul processo doping nella quale la posizione del marciatore è archiviata per «non aver commesso il fatto». 
Il giudice, che parla di «autoreferenzialità» della federazione mondiale di atletica (Iaaf) e dell’agenzia mondiale antidoping (Wada), di manipolazione delle provette, di macchina del fango, rimette gli atti al pm invitandolo a indagare su quei reati.

Sono molto felice che dopo quattro anni è mezzo di attesa finalmente è arrivato il giorno in cui è stata fatta giustizia». Così Alex Schwazer commenta il provvedimento del gip di Bolzano, in una dichiarazione audio all’ANSA, fatta recapitare dalla sua manager, Giulia Mancini. «Probabilmente non potrò dimenticare tutte le cose - aggiunge Schwazer - , ma il giorno di oggi mi ripaga un pò di tante battaglie che insieme ad altri che mi sono stati vicini ho dovuto affrontare in questi quattro anni e mezzo, che non sono stati per nulla facili»