Sei in Sport

calcio

E' ufficiale: Conte lascia l'Inter, Paratici si separa dalla Juve . Donnarumma addio al Milan

26 maggio 2021, 19:38

E' ufficiale: Conte lascia l'Inter, Paratici si separa dalla Juve . Donnarumma addio al Milan

Adesso è ufficiale: Antonio Conte lascia l'Inter. "FC Internazionale Milano comunica di aver trovato l'accordo per la risoluzione consensuale del contratto con l'allenatore Antonio Conte. Tutto il Club desidera ringraziare Antonio per lo straordinario lavoro svolto, culminato con la conquista del diciannovesimo Scudetto. Antonio Conte rimarrà per sempre nella storia del nostro Club".  Dopo due stagioni e uno scudetto che al club nerazzurro mancava da 11 anni, ufficiale il divorzio tra l'Inter e il tecnico Antonio Conte. In un comunicato la società fa sapere "di aver trovato l’accordo per la risoluzione consensuale del contratto con l’allenatore Antonio Conte. Tutto il club desidera ringraziare Antonio per lo straordinario lavoro svolto, culminato con la conquista del diciannovesimo scudetto. Antonio Conte rimarrà per sempre nella storia del nostro club".

Fabio Paratici e la Juventus si sono separati. L’ufficialità è arrivata oggi quando il club bianconero ne ha dato notizia sul proprio sito internet e suoi suoi profili social. "Dopo undici stagioni di lavoro intenso, di vittorie e di grande passione sul campo e dietro alla scrivania, Fabio Paratici, managing director Football Area della Juventus, lascerà il club - si legge nella nota -. Il suo contratto, in scadenza il 30 giugno 2021, non sarà rinnovato. Il dirigente bianconero e il presidente Agnelli si sono incontrati oggi allo Juventus Head Quarter della Continassa". Arrivato nell’estate 2010 dalla Sampdoria, Paratici è stato "dapprima coordinatore dell’Area Tecnica, poi direttore sportivo dalla stagione 2011-2012, in seguito, nel 2018 diventa Chief Football Officer e conclude il suo percorso juventino con l’incarico attualmente ricoperto nella stagione che si sta concludendo", si legge ancora sul portale juventino. 

«Donnarumma e Milan, le strade si dividono, non posso che augurare il meglio a un ragazzo sensibile come lui": lo dice il dt del Milan Paolo Maldini a Milan Tv. Il club rossonero ha già individuato il successore: Mike Maignan. «Credo che si debba ringraziare tutti i calciatori che hanno fatto questa stagione incredibile. Gigio è stato leader e spesso capitano. La gente - spiega Maldini - fa fatica a capire cosa voglia dire fare il professionista, si deve essere pronti a cambiare casacca. So che è difficile da accettare, è sempre più difficile trovare carriere che iniziano in un posto e finiscono lì. Gigio va rispettato non ci ha mancato mai rispetto». 
Il club non ha ancora annunciato il sostituto, ma il nome più papabile al momento è quello di Federico Cherubini, folignate classe 1971 che lavora nel club dal 2012 e che negli anni passati ha ricoperto il ruolo di responsabile del settore giovanile e di supervisore dei giocatori ceduti in prestito in giro per l’Italia, per poi dedicarsi alla creazione della formazione Under 23 bianconera che dal 2018 disputa il campionato di Lega Pro. L'attuale Football Director bianconero sarebbe dunque una soluzione utile a dare continuità al lavoro svolto fino ad oggi. Paratici ha così commentato la decisione di separarsi dalla Vecchia Signora: "Sono stati anni bellissimi, di crescita professionale e di forti emozioni. La Juventus mi ha concesso l'opportunità di svolgere la mia attività in piena libertà e senza condizionamenti nel pieno rispetto del mio ruolo. Per questo desidero ringraziare tutto il club, il mio staff, i dipendenti, i collaboratori, i calciatori, gli allenatori, gli azionisti, e, in particolare, il presidente Andrea Agnelli. Si chiude un capitolo importante della mia carriera, in attesa di nuove sfide". 
Di tutto ciò se ne parlerà anche nella riunione dei soci Exor che avrà luogo domani e chissà che prima del 4 giugno, data in cui il presidente Agnelli e l’ormai ex Paratici incontreranno i media all’Allianz Stadium in una conferenza congiunta, non sia già tutto deciso e non arrivi qualche altro annuncio.