×
×
☰ MENU

Sinner fuori dalle Atp Finals di Torino

Sinner fuori dalle Atp Finals di Torino

05 Novembre 2021,09:17

Sfuma per il momento il sogno di vedere Jannik Sinner accanto a Matteo Berrettini tra i magnifici otto che si sfideranno alle Atp Finals di Torino. «La più grande manifestazione tennistica indoor, con 120mila biglietti già venduti» e 95 milioni di telespettatori, come il presidente della Federazione Italiana Tennis, Angelo Binaghi,ha definito il torneo a meno di dieci giorni dalle gare, rischia di dover fare a meno del giovane italiano. Il baby talento, uscito al secondo turno del Masters 1000 di Parigi, è stato superato dal polacco Hubert Hurkacz, che approdando in semifinale ha conquistato l'ottavo e ultimo posto utile per qualificarsi alle Finals. 


Per Sinner, ora, la strada per Torino passa da Stoccolma. L'altoatesino si è iscritto alla prova Atp 250, per disputare la quale dovrà saltare le Next Gen di Milano, a caccia dei punti necessari ad arrivare al Pala Alpitur come prima riserva davanti al britannico Cameron Norrie e sperare che il greco Stefanos Tsitsipas, costretto da una infiammazione al braccio a ritirarsi dal Masters parigini, non recuperi. 


«Sinner è un grande investimento per il tennis italiano. Per decenni abbiamo sognato di avere un top ten; adesso ne abbiamo due e uno è addirittura ventenne. Va bene così», commenta Binaghi, che oggi a Torino ha anche inaugurato il Training Center per gli otto master, realizzato al Circolo della Stampa Sporting ristrutturato con il sostegno di Intesa Sanpaolo, che delle Finals è Host Partner. «La cosa più importante - aggiunge il numero uno della Fit - è che Sinner faccia una bella Coppa Davis, si riposi e ricominci a cercare di diventare sempre più forte. Noi saremo con lui». 


Per un tennista costretto a saltare le Finals ce n'è un altro, il n.1 Novak Djokovic, che è sicuro di partecipare nonostante non abbia voluto rivelare se è vaccinato contro il Covid. «Novak non ha detto di non essere vaccinato, ma solo di non volerlo dichiarare in merito - precisa il presidente di Atp Andrea Gaudenzi -. Questo non pone problemi per lo svolgimento del torneo o per altro. L’obbligo vaccinale non è previsto - ricordato ancora -, ci adeguiamo e seguiamo le regole dei Governi locali. Tutti seguiranno i protocolli, l’evento sarà svolto regolarmente». 


Se non avrà conseguenze sul tabellone, la pandemia ha comunque avuto effetto sul torneo, che approda in Italia per la prima volta nella sua storia. Nonostante i 120mila biglietti già venduti, quelli acquistati dall’estero sono soltanto il 18%, percentuale inferiore al passato a causa delle restrizioni e delle incertezze della pandemia. Analogo discorso per gli acquirenti corporate: a Londra il 70% di questa categoria proveniva dall’estero, quest’anno sarà soltanto il 10%. «Numeri che rispecchiano il momento storico in cui stiamo vivendo - spiega Binaghi - ma che indicano anche le ottime prospettive di sviluppo della manifestazione», per la quale il Cts ha autorizzato un aumento parziale dell’occupazione dal 60 al 75%. «I prossimi 5 anni rappresenteranno una vetrina straordinaria per Torino, l’Italia, il tennis e lo sport azzurro - conclude la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali -. Se oggi siamo qui e perchè Italia è stata capace di fare squadra». 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI